Cronaca

Festival internazionale della robotica: 15mila presenze e già si guarda al futuro

Un successo che è andato oltre le aspettative. E per la prossima edizione si pensa a quattro appuntamenti

Aumentano le presenze alla seconda edizione del Festival internazionale della robotica di Pisa promosso e organizzato da Fondazione Arpa con il sostegno di Regione Toscana, Comune di Pisa, Provincia di Pisa, Università di Pisa, Scuola Normale Superiore di Pisa, Scuola Superiore Sant'Anna, Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa, Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna, Centro di Ricerca “Enrico Piaggio” dell’Università di Pisa, Centro di Eccellenza Endocas dell’Università di Pisa, Irccs Fondazione Stella Maris, Camera di Commercio e Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana.

La kermesse dedicata alla robotica, alla tecnologia, alle macchine e alla scienza, che si è conclusa ieri, 3 ottobre, ha registrato 15mila presenze, ben 5mila in più rispetto all'edizione 2017.

93 eventi, 18 sedi espositive ed oltre 30 discipline si sono date appuntamento a Pisa che, con la sua area, vanta una delle più alte concentrazioni al mondo di addetti e di attività di ricerca, sviluppo e applicazione di sistemi robotici. La robotica al servizio delle persone nella loro quotidianità, nella medicina, chirurgia e riabilitazione ma anche al fianco del restauro dei beni culturali, dell'arte, della cooperazione umanitaria senza dimenticare gli interessanti convegni in tema di etica, regolamentazione giuridica, filosofia, economia e agricoltura ecosostenibile.

Non poteva che essere Pisa la sede naturale del Festival che "non è più immaginabile riunire in un unico evento di sette giorni - ha detto il direttore organizzativo, il professor Franco Mosca - stiamo pensando di spalmare la kermesse in quattro appuntamenti, uno per ogni stagione, per poter conciliare la vastità di discipline, materie e professionisti coinvolti. Il Festival, di elevato livello scientifico, non è una fiera e intende far conoscere a tutti la robotica quale strumento quotidiano al servizio dell'uomo. Forse potevamo immaginare una così elevata partecipazione di persone ma non un così grande straordinario successo, frutto di un grandissimo lavoro di squadra". 

Un bilancio più che positivo dunque per gli organizzatori e i co-organizzatori che, forti di numeri importanti, guardano già all'immediato futuro: 15mila presenze giunte a Pisa appositamente per i 7 giorni di Festival, professionisti, chirurghi, docenti e ricercatori arrivati in città dall'estero, congressi, lezioni, iniziative, spettacoli (solo per Andrea Bocelli e per la serata di beneficenza della Fondazione Arpa tutto esaurito al Teatro Verdi).
Sold out anche per la caccia al tesoro dei robot, droni in voliera e per le iniziative per bambini alla Stazione Leopolda.
Successo anche per il Robot Film Festival, la RobotOpera nell'auditorium Enrico Caruso del Gran Teatro Puccini di Torre del Lago, il restauro delle Antiche Navi Romane, la giornata di fotografia con la straordinaria partecipazione di Olivero Toscani, il convegno sulla cooperazione umanitaria col divulgatore scientifico Alessandro Cecchi Paone, e per i dibattiti con Jay Elliot, mentore di Steve Jobs ed ex vicepresidente Apple, svolto in collaborazione con Officine Garibaldi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festival internazionale della robotica: 15mila presenze e già si guarda al futuro

PisaToday è in caricamento