Ristoratore suicida a Riparbella, un aiuto alla moglie: "Andate all'Osteria del Viandante"

Il prefetto Tagliente ha incontrato la vedova del ristoratore che si è tolto la vita domenica all'interno del suo locale. Alla signora sarà concesso di utilizzare le auto bloccate da fermo amministrativo e di avere più tempo per saldare i debiti

Un aiuto concreto per la signora Giovanna, la vedova del ristoratore che si è suicidato domenica all'interno del suo locale di Riparbella. Nessuno aveva segnalato il disagio psicologico dell'uomo, oberato dai debiti, che in un momento di grave debolezza psicologica si è tolto la vita. I familiari e i vicini di casa non avevano percepito la gravità della sua condizione che lo ha portato al gesto estremo.

Ieri sera il prefetto Francesco Tagliente dopo aver incontrato la vedova del ristoratore, per portarle il cordoglio, valutate le condizioni della famiglia colpita dalla tragedia, ha chiesto alla dottoressa Giuliana Grison, segretaria del Servizio di ascolto e sostegno attivato recentemente dalla Prefettura per aiutare imprenditori e lavoratori in crisi, di convocare in via straordinaria alcuni componenti ritenuti importanti per valutare la situazione patrimoniale e psicologica della signora Giovanna.

Questa mattina la vicenda del ristoratore e della sua famiglia, raccontata dalla signora Giovanna e dalla figlia che la accompagnava, è stata così ascoltata dal prefetto Tagliente, da Pietro Pietrini direttore dell’Unità Operativa di Psicologia Clinica dell'Azienda Ospedaliera Pisana, da Gian Gastone Gualtierotti Morelli dell'Ordine dei Commercialisti e degli esperti Contabili di Pisa, da Ilaria Sampugnaro dell'INPS, da Patrizia Muscarà dell'Agenzia delle Entrate, da Renato Biasi di Equitalia, nonché dal vicepresidente della Camera di Commercio Valter Tamburini, dalla segretaria del Servizio di Ascolto Giuliana Grison e dalla dottoressa Donatella Donadel della Provincia di Pisa.

I rappresentanti del Servizio di ascolto e sostegno non solo hanno convinto la signora Giovanna a non chiudere l'attività commerciale, come aveva anticipato, e a tenere aperto il ristorante, ma hanno anche dato alla vedova la possibilità di poter utilizzare le due autovetture sottoposte a 'fermo amministrativo' da Equitalia, ritenute indispensabili per l'esercizio della sua attività, e concesso una pausa temporale per poter onorare i debiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mentre i rappresentanti dell'Ordine dei Commercialisti e degli altri Enti interessati alla vicenda economica, unitamente agli Enti impositori titolari dei crediti, valutano se ci sono spazi per ridurre il disagio, il prefetto Tagliente e il Prof. Pietrini fanno appello al sentimento di solidarietà umana per aiutare questa apprezzata cuoca nel primo periodo di riavvio dell'attività di ristorazione e invitano tutti coloro che si riconoscono sensibili alle tragedie umane ad andare a cena al suo ristorante a Riparbella, località Melatina, sulla strada che porta da Cecina a Volterra.

L'ultimo commento sull'Osteria del Viandante postato il 2 settembre scorso è breve ma significativo: "Ottima cucina toscana, sia carne che pesce. Ambiente tranquillo. Unico difettuccio, non si deve aver fretta perché ci sono solo i due titolari, però simpatici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, approvato il decreto scuola: ecco cosa cambia

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Lutto nella sezione Aia di Pisa: muore a 41 anni Gennaro D'Archi

  • In Toscana scatta l'obbligo delle mascherine: chi deve indossarle e in quali occasioni

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

  • Auto fuori strada lungo l'Arnaccio: muore 25enne

Torna su
PisaToday è in caricamento