Residenze universitarie: test sierologici per gli studenti fuori sede

L'Azienda per il Diritto allo Studio Universitario e la Croce Rossa Toscana hanno firmato una convenzione per i test sierologici da effettuare nelle residenze universitarie dislocate a Pisa, Firenze e Siena

Sono oltre 5mila gli studenti interessati dallo screening per fuori sede che verrà effettuato dall’Azienda per il Diritto allo Studio Universitario e dalla Croce Rossa Italiana-Comitato Regionale Toscana. Tutti gli studenti alloggiati e prossimi assegnatari di posto letto nelle residenze universitarie dislocate presso le sedi Pisa, Firenze e Siena potranno sottoporsi al test sierologico per la positività al Covid19 tramite il kit fornito dalla Regione Toscana. Un risultato frutto della convenzione firmata dai rappresentanti delle due istituzioni, Marco Moretti presidente del Dsu Toscana, e Pasquale Morano direttore del Comitato regionale della Croce Rossa.

Lo studente convocato per l’assegnazione sarà invitato ad effettuarlo presso la postazione della Croce Rossa Italiana prima di prendere possesso dell’alloggio. Il personale volontario specializzato della Croce Rossa, appositamente addestrato e formato, riceverà gli studenti direttamente a Firenze presso la residenza Calamandrei di viale Morgagni e a Pisa presso il Campus Praticelli dalle 11:00 alle 13:00; a Siena presso la residenza di via delle Sperandie dalle 15:00 alle 17:00.

L'esito del test verrà reso noto immediatamente e verrà analizzato dal medico o biologo della Croce Rossa: la consegna del referto verrà effettuata direttamente allo studente, che sarà tenuto a informare i responsabili territoriali del DSU Toscana dell’eventuale esito che necessità di ulteriori azioni e cautele. La Croce Rossa provvederà in tal caso a fornire allo studente tutte le indicazioni necessarie per avviare la procedura di effettuazione di ulteriori controlli sanitari previsti dai protocolli.

Le prestazioni della Croce Rossa riguarderanno anche l’attività informativa rivolta agli studenti sui rischi del contagio e suoi  comportamenti da osservare per la prevenzione. Saranno inoltre organizzati incontri on line per la formazione del personale Ardsu sulle misure contenitive da adottare nelle residenze universitarie e nelle strutture aziendali. Verrà infine attivato anche un servizio di help desk telefonico settimanale agli studenti borsisti e assegnatari di un alloggio.

"Quello che stiamo vivendo è sicuramente un momento fondamentale in cui supportare l'Azienda Regionale per il Diritto allo Studio - spiega Pasquale Morano - la Cri si impegna a farlo con tutte le competenze e le professionalità che ha acquisito nel grande lavoro svolto in questi mesi. L'indagine sierologica è infatti solo una parte dell'attività: insieme ai test abbiamo la possibilità di fare informazione agli studenti, e di sviluppare percorsi formativi per tutto il personale che gravita attorno alle attività del Dirito allo Studio Universitario."

"La collaborazione con il Comitato Regionale di Croce Rossa Italiana è fondamentale per l'azienda per incrementare ulteriormente il livello di sicurezza degli alloggiati nelle nostre residenze universitarie - afferma Marco Moretti. Le case dello studente sono dei luoghi di aggregazione che tutti gli assegnatari di un posto letto devono poter frequentare in assoluta sicurezza salvaguardando la propria integrità e quella degli altri domiciliati presenti nella struttura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento