Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Conclude un contratto di fornitura elettrica con un'anziana inconsapevole: denunciato

L'episodio è stato scoperto dai Carabineri, con la donna 95enne che avrebbe firmato il documento perché convinta in modo fraudolento dai giovani rappresentanti commerciali. I militari dell'Arma invitano i cittadini a fare grande attenzione

Avrebbe fatto firmare all'anziana 95enne un contratto per la fornitura di energia elettrica non desiderato, sfruttando la disattenzione della donna. Lo hanno scoperto i Carabinieri ieri pomeriggio, quando sono intervenuti nella zona di Porta a Lucca a seguito della segnalazione dei residenti circa un gruppo di ragazzi che insistevano per entrare in casa, motivando la richiesta con la necessaria verifica di contatori, bollette o prese elettriche. I militari in borghese, dopo alcune ricerche, hanno rintracciato un giovane italiano con al collo il cartellino di una nota società di energia elettrica, e dopo alcuni riscontri è emersa la stipula del contratto.

Dal documento risultava il numero di telefono dell'anziana, che una volta contattata ha confermato di aver firmato qualcosa, che in realtà non aveva capito. Solo che le persone con cui aveva parlato le erano sembrate "affidabili e gentili, per cui dato che aveva "il pranzo sul fuoco" ha deciso di seguire le loro indicazioni e tornare alle sue faccende. Peccato che non si trattava, come sostenevano i ragazzi, di una dimostrazione di presenza in zona per i capi, ma di un vero e proprio contratto vincolante a termini di legge.

L'induzione alla firma attraverso raggiri è stata confermata dalla versione dei familiari dell'anziana, avvisati poco dopo. Per questi motivi essi hanno sporto querela nei confronti del giovane rappresentante commerciale, denunciandolo per truffa. E' stao così sequestrato il contratto e l'altro materiale in possesso del ragazzo, fra cui si trovava anche un formulario delle frasi da dire per riuscire ad entrare in casa e rispondere alle domande dei potenziali clienti.

Il dubbio dei Carabinieri è che per la foga di concludere contratti si ricorra ad ogni mezzo, anche illecito. I militari invitano quindi a fare grande attenzione a chi si presenta davanti la propria porta: le società ufficiali molto difficilmente si rivolgono ad incaricati simili, mentre in caso di verifiche sul funzionamento delle linee o in caso di guasti le persone vengono prima avvisate telefonicamente dell’intervento. In caso di dubbi occorre chiamare un familiare od un vicino, e se si riconosce un tentativo di truffa si deve avvisare subito le forze di polizia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conclude un contratto di fornitura elettrica con un'anziana inconsapevole: denunciato

PisaToday è in caricamento