Variante stadio, osservazione per il sì alla moschea: "Sia rispettata la Costituzione"

Il comitato 'Sì alla libertà di culto' ha chiesto di non modificare la destinazione d'uso dell'area per farci un parcheggio: "Si ricaverebbero comunque meno posti di quelli previsti con la moschea"

E' scaduto il 24 novembre scorso il termine per presentare le osservazioni alla variante urbanistica per la riqualificazione del quartiere Porta a Lucca e la nuova Arena Garibaldi. Fra le aree individuate per nuovi parcheggi figura anche il terreno destinato a luogo di culto già da tempo acquistato dall'Associazione Culturale Islamica, al centro di una querelle che ha portato l'ente religioso a rivolgersi al Tar contro il Comune di Pisa. A sostenere la previsione della moschea è il comitato 'Sì alla libertà di culto', che ha presentato un'osservazione. 

"La variante che interessa il quartiere di Porta a Lucca - scrive in una nota - cancella l'attuale previsione urbanistica di una moschea, senza peraltro prevedere alcuna collocazione alternativa per questo importante luogo di culto unitario, da anni atteso dalla comunità musulmana pisana. Chiediamo di fare marcia indietro: una simile scelta avrebbe un profilo gravemente discriminatorio, data l'inconsistenza delle motivazioni addotte e la conseguente mancanza del presupposto dell'interesse pubblico. Decine di cittadini che condividono le istanze del comitato hanno sottoscritto le osservazioni. Si attende ora una risposta dall'amministrazione che, ormai da mesi, sembra voler evitare di affrontare questa questione".

Nell'osservazione consegnata agli uffici si leggono in primis i riferimenti alla libertà di culto, in particolare gli articoli 8 e 19 della Costituzione, seguiti dalla Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo e la Carta dei Diritti fondamentali dell'Unione Europea. C'è però anche un aspetto più tecnico, legato proprio alla natura della nuova previsione urbanistica, cioè la previsione di nuovi parcheggi.

Nel progetto della moschea sono previsti 65 stalli "a servizio della moschea e della cittadinanza". Tale numero per il comitato sarebbe comunque superiore ai posti che si otterrebbero con la variante per l'area indicata, dato che "la quantità di stalli che si ricaverebbero dalla sostituzione della destinazione da luogo di culto a parcheggio sarebbero circa 45, la metà degli 89 stimati precedentemente per l'intera scheda norma". Si prevederebbe in variante "la realizzazione di 2 parcheggi di cui uno nel comparto 2 in sostituzione della destinazione a luogo di culto; le dimensioni delle aree di parcheggio proposte sono da noi stimate in circa mq 2000+2000 e potrebbero accogliere complessivamente circa 89 posti auto in virtù del parametro medio tecnicamente riconosciuto di 45 mq per ogni stallo".

"Considerato - si legge nel documento dell'associazione - che i fedeli musulmani si ritrovano alla moschea principalmente nel canonico giorno del venerdì e dunque mai in concomitanza con il mercato cittadino del mercoledì mattina e del sabato mattina" e "visto che a supporto del mercato cittadino sono previste nella variante urbanistica già altre aree da dedicare a parcheggio, considerevolmente più grandi", il comitato chiede al Comune di "lasciare inalterate le attuali destinazioni urbanistiche del Regolamento Urbanistico nel rispetto costituzionale del pluralismo e delle confessioni religiose e perché non si ravvede analiticamente la necessità del parcheggio proposto in variante".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, "Toscana da domenica zona arancione"

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Nuovo Dpcm, più libertà per gli spostamenti tra comuni: le proposte dalla Toscana

  • Comune di Pisa: nuovi bandi per assumere un falegname, un elettricista e un agronomo

  • Dpcm Natale 2020, il decreto legge che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

Torna su
PisaToday è in caricamento