menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La frutta sequestrata

La frutta sequestrata

Via Paparelli, vendono frutta senza permesso al mercato: donata ai bisognosi

La Polizia Municipale ha sequestrato le casse di frutta e verdura che sono state donate alla Cittadella della Solidarietà, l'emporio del Cep che cerca di aiutare le persone in difficoltà. Multa da 5mila euro per i due venditori

Nell’ambito dei continui controlli svolti dalla squadra annonaria della Polizia Municipale mercoledì al mercato di via Paparelli a Pisa, gli agenti hanno scoperto due commercianti che vendevano frutta e verdura irregolarmente, senza titolo per farlo. Ai due venditori è stata comminata una multa di 5.000 euro ciascuno ed è stata sequestrata la merce. Si tratta di una ventina di casse contenenti frutta e verdura fresca di stagione che sono state immediatamente devolute in beneficenza alla Cittadella della Solidarietà, che ha sede nel quartiere del Cep.

"Lotta allo spreco e risposte ai bisogni in tempo di crisi. Con questi due obiettivi il Comune di Pisa ha fatto un accordo con Polizia Municipale, Società della Salute e Caritas - spiega l’assessore al sociale Sandra Capuzzi - la merce deperibile sequestrata viene consegnata alla Cittadella della Solidarietà al Cep che così la redistribuisce ai più bisognosi. Voglio ringraziare la Polizia Municipale per aver accolto subito la nostra proposta".,

La Cittadella della Solidarietà, l’emporio della Caritas per i più bisognosi, si trova nel centro del quartiere del Cep, sotto la chiesa. Qui si raccolgono le donazioni di cibo e vestiti che vengono redistribuiti a seconda del bisogno. Le persone accedono su segnalazione dei servizi sociali, dei centri di ascolto parrocchiali e delle associazioni distribuiti sul territorio. Una apposita commissione valuta i casi e a seconda del reddito e del numero di persone nel nucleo familiare vengono assegnati dei punti che vengono caricati nella carte della Cittadella della Solidarietà. I punti sono spendibili per acquistare i vari prodotti e vengono ricaricati ogni mese fino ad un massimo di sei perché l’obiettivo è puntare all’emancipazione dal bisogno.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Riapre la gelateria De' Coltelli dopo la pausa invernale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento