Appalto pulizie e carico-scarico bagagli negli aeroporti toscani: "Ammortizzatori sociali per i lavoratori"

L'allarme dei sindacati che hanno aperto una vertenza per tutelare i lavoratori degli appalti attivi negli scali di Pisa e Firenze

Allarme lanciato dai sindacati per la situazione presente negli aeroporti di Pisa e Firenze. Ad aprire una vertenza per tutelare l'occupazione e i salari dei lavoratori, particolarmente colpiti dalla crisi dovuta dalla pandemia, sono le segreterie provinciali di Filt Cgil, Fit Cisl e Cub.

"Alle ore 14 del 20 novembre è arrivata una mail sibillina alle rappresentanze sindacali per informarle che le trattative per la proroga dell'appalto delle pulizie e del carico e scarico bagagli negli aeroporti toscani erano state improvvisamente interrotte - spiegano i sindacati - nella stessa mail apprendiamo che la Cooperativa CFT ha già deciso di inserire tutti i lavoratori dell'appalto negli ammortizzatori sociali fin dal prossimo 25 novembre con la conseguente, improvvisa e drastica interruzione di tutte le attività fino ad oggi svolte sempre che, da qui a pochi giorni, non si presentino novità. Questa inaudita decisione ha prodotto sgomento, rabbia e preoccupazione in tutti i lavoratori del settore che già da mesi vedono il loro salario decurtato dal costante ricorso agli ammortizzatori sociali".
"In piena pandemia, con l'economia e la produzione in caduta libera, non è ammissibile gettare nella disperazione centinaia di lavoratori e le loro famiglie. Sia ben chiaro che non staremo a guardare, non permetteremo che i posti di lavoro siano messi a rischio per diatribe commerciali tra aziende". Da qui l'apertura della vertenza.

"Chiediamo fin da ora a tutti i soggetti responsabili degli aeroporti, Toscana Aeroporti e Toscana Aeroporti Handling, l'Enac, la Regione, gli Enti pubblici e la stessa Prefettura in rappresentanza del Governo, azioni immediate, risolutive e responsabili per reperire le soluzioni necessarie che dovranno essere la salvaguardia di tutti i posti di lavoro alla luce anche del fatto che la Regione Toscana ha deliberato un sostanzioso aiuto economico alla società gestrice dei due aeroporti toscani - concludono Filt Cgil, Fit Cisl e Cub - promuoveremo la solidarietà attiva di tutti i lavoratori e le lavoratrici aeroportuali a difesa dei posti di lavoro e della dignità di chi vi opera e se non arriveranno nelle prossime ore decisioni utili e risolutive, sarà mobilitato tutto il settore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento