menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incitazioni alla violenza di genere sul web: la denuncia della Conferenza delle Donne Dem

Le rappresentanti provinciali dell'associazione esprimono la loro vicinanza alle donne pisane vittime di violenza di genere su internet

Nei giorni scorsi sono stati smascherati siti e gruppi social nei quali venivano commentate, all'insaputa delle dirette interessate, le foto di donne provenienti da tutta Italia. Alcuni scatti sono stati rubati anche a cittadine pisame, che hanno scoperto di essere state vittime di incitazioni alla violenza e allo stupro. In relazione a questi fatti la Conferenza delle Donne Dem della provincia di Pisa esprime la sua vicinanza e si dice pronta a costituirsi parte civile affinché i responsabili vengano perseguiti dalla legge.

"In tempi di restrizioni ed isolamento - è il commento della Conferenza - la violenza corre nella rete degli haters sui social con post gonfi di offese per umiliare la dignità delle donne. Non giriamoci intorno: questa è pura violenza, che incide nella profondità della psiche della vittima, accerchiata da nemici che vilmente si ritengono intoccabili nel loro anonimato. A costoro ricordiamo che tali atti sono reati dalla diffamazione alla minaccia, fino allo stalking informatico. Alle ragazze vittime diciamo che non sono sole nel difficile percorso di denuncia, che oltretutto richiede di conservare screenshots, stampe o altro dei contenuti: ogni insulto sessista o minaccia di stupro rivolto a voi riguarda ciascuna di noi, nel fare i conti con la miseria culturale di odio e stereotipi".

Le rappresentanti della Conferenza delle Donne continuano: "In questo tempo emerge infatti con chiarezza come le donne siano l'architrave del sistema, ed è dal loro sguardo che possono nascere soluzioni". "Eppure - sottolineano - non si è ritenuto di includere un pensiero femminista nella task force disposta dal Presidente del Consiglio per accompagnare il Paese nella ripartenza. Questa esclusione affonda le radici nella stessa subcultura di cui si nutre la violenza di genere. Richiamiamo dunque la necessità che l’attuale situazione di complessa e radicale trasformazione sia gestita anche e soprattutto da chi, come le donne, nella concretezza sa tenere insieme esigenze oggi poste invece in contrapposizione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Spuntini proteici, i pancake con uova e yogurt: la ricetta

Arredare

Arredamento open space: come avere una casa di tendenza

social

Dolci sfiziosi, la ricetta della torta di mele e Nutella

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento