Cronaca

Prosegue il progetto per tenere uniti i pazienti affetti da Covid ai loro cari

Fondazione Arpa finanzia RainboWiFi oltre la scadenza: connessione gratuita dentro l’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana fino a maggio 2021

Il professor Luca Morelli, presidente della Fondazione Arpa

Continuare a tenere uniti i pazienti affetti da Covid-19 alle persone care che si trovano oltre le mura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana, affinché nessuno venga lasciato solo. E' l'obiettivo di Fondazione Arpa che ha deciso di continuare a finanziare, oltre la sua naturale scadenza, il progetto RainboWiFi: la connessione gratuita si estende fino a maggio 2021. Nato la primavera scorsa (ultimo lascito e testimonianza di impegno del compianto prof. Franco Mosca) il progetto era nato proprio per contrastare un altro virus potenzialmente letale: quello della solitudine provata da chi, sottoposto alle cure in ospedale, viene per forza di cose separato dai suoi affetti. 

Arpa, insieme all’associazione ex Allievi della Scuola Superiore Sant’Anna, con il supporto dell’Università di Pisa ed il contributo economico della Fondazione Pisa, della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato, e il contributo liberale offerto da privati cittadini e da club di servizio della città, era così riuscita ad abbattere un barriera imponente. Partner tecnologico di questa iniziativa è l’azienda DevItalia. 

"Giunto al termine per l’esaurimento dei fondi raccolti durante questi difficili mesi - fanno sapere da Fondazione Arpa - il progetto merita di proseguire per aiutare i pazienti, le loro famiglie ed il personale Aoup impegnato senza sosta ad affrontare al meglio questa seconda ondata pandemica. Consapevole della fondamentale utilità di questa iniziativa, la Fondazione Arpa ha quindi deciso di finanziare la prosecuzione di RainboWiFi per altri sei mesi, fino a maggio 2021. Un atto necessario, poiché la sofferenza non conosce scadenze: facendo rete, tuttavia, è possibile superarla". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prosegue il progetto per tenere uniti i pazienti affetti da Covid ai loro cari

PisaToday è in caricamento