Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Dal Comune soldi alle Terme di Casciana per pagare gli stipendi: interrogazione alla Giunta Regionale

I capigruppo di Forza Italia Stefano Mugnai e di Fratelli d'Italia Stefano Donzelli chiedono spiegazioni all'amministrazione regionale: "E' legittimo per un Comune fare da banca?"

Arriva anche in Regione la questione del prestito elargito dal Comune di Casciana Terme - Lari alla società di gestione delle Terme di Casciana, la Bagni di Casciana srl, per permettere di pagare gli stipendi di gennaio dei lavoratori, visti i ritardi della Asl nei pagamenti a favore della stessa società termale. Sono i capigruppo in Consiglio Regionale di Forza Italia Stefano Mugnai e Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli a presentare una interrogazione alla Giunta di Enrico Rossi sulla 'peculiare situazione'.

"La Asl - ricostruiscono Mugnai e Donzelli nel loro atto - non paga le fatture di ottobre e novembre alle Terme di Casciana mettendo a rischio gli stipendi dei lavoratori dell’Azienda termale. La Asl attribuisce la responsabilità di questa situazione all’accorpamento delle Asl toscane, che avrebbe creato un’insolvenza di 350mila euro a fronte di un bilancio di 4 milioni. Il Comune di Casciana Terme Lari ha deliberato il prestito di 87.000 a Bagni di Casciana srl, partecipata al 100% da Terme di Casciana spa, fatto salvo l’obbligo delle stesse alla restituzione della somma entro 30 giorni".

Nei quesiti, a cui i due capigruppo chiedono risposta scritta, Mugnai e Donzelli vogliono sapere "se sia legittimo, per un Comune, assurgere alla funzione di banca nei confronti  di una Società di diritto privato, seppur partecipata, al fine di pagarne gli stipendi" e "se la Regione intenda adottare opportuni provvedimenti nei confronti dell’Asl vista l’insolvenza nei confronti delle Terme di Casciana".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Comune soldi alle Terme di Casciana per pagare gli stipendi: interrogazione alla Giunta Regionale

PisaToday è in caricamento