rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Politica Casciana Terme

Fusione dei Comuni: il 6 e 7 ottobre cittadini alle urne per decidere il futuro

Stabilite le date del referendum con il quale i residenti potranno pronunciarsi sulla fusione dei Comuni di Lari e Casciana Terme, di Palaia, Capannoli e Peccioli e di Lorenzana e Crespina. Si parla di immediati vantaggi economici per i territori

Si svolgerà i prossimi 6 e 7 ottobre il referendum per la fusione dei Comuni di Casciana Terme e Lari, per quelli di Palaia, Capannoli e Peccioli e per quelli di Lorenzana e Crespina. E’ quanto stabilito, nei giorni scorsi, dal decreto del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. Sono sette dunque i Comuni in provincia di Pisa interessati dal progetto di fusione. A seguito del decreto legge sulla spending rewiev i Comuni, infatti, saranno obbligati a procedere con il riordino delle funzioni fondamentali attraverso l’esercizio associato di funzioni e servizi comunali. Adesso a decidere saranno i cittadini residenti attraverso l’esercizio del voto referendario come previsto dalla normativa.

"Avendo ben presente il contesto socio-economico in cui sono inseriti i territori e le popolazioni di Lari e Casciana Terme, che già in passato appartenevano ad un unico Comune, diviso poi nelle due attuali amministrazioni solo nel 1927 - spiegano i primi cittadini Mirko Terreni e Giorgio Vannozzi - è intenzione delle due amministrazioni lasciare ai cittadini la possibilità di pronunciarsi, con un referendum, circa l’opportunità della fusione del Comune di Casciana Terme e del  Comune di Lari in un unico comune di oltre 12.500 abitanti. Si tratta di un percorso particolarmente innovativo che consente di risparmiare senza essere costretti a tagliare i servizi essenziali alle famiglie e ai cittadini".

Riduzione dei costi della politica ma non di rappresentanza democratica, immediati vantaggi economici per i territori, razionalizzazione e riduzione delle strutture amministrative, sviluppo unitario di un territorio. Questi alcuni degli immediati vantaggi che potrebbero derivare dalla fusione dei Comuni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fusione dei Comuni: il 6 e 7 ottobre cittadini alle urne per decidere il futuro

PisaToday è in caricamento