Martedì, 22 Giugno 2021
Politica

San Giuliano Terme, Idv: punti fermi sul bilancio di previsione 2012-2014

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Siamo arrivati al momento della approvazione del bilancio. Noi di Italia dei Valori, riteniamo che sin dai nostri primi comunicati abbiamo fatto una lucida analisi della situazione finanziaria ed economica del nostro Comune. Nel momento in cui è stata esplicitata la gravità dei conti, abbiamo provveduto ad andare ad analizzare tutti i dati disponibili a partire dagli anni addietro. Sia chiaro che le numerose finanziarie che si sono succedute in questi ultimi anni hanno fortemente compromesso gli equilibri di bilancio, ma abbiamo anche potuto verificare che da oltre un decennio il trend dell'indebitamento era significativo e in salita. Segno che si erano accumulati appesantimenti già dalle precedenti amministrazioni. Erano state messe in atto politiche e scelte già allora non propriamente sostenibili. All'inizio di questa legislatura il monte dei mutui superava i 35 milioni di euro.

Si sarebbero dovute mettere in atto politiche più parsimoniose con la scelta di ancor più limitati interventi. La situazione che si prospetta almeno nella sua durezza è chiara e si riverbererà non solo sulle politiche comunali ma anche sui nostri cittadini. Peraltro non avremmo potuto chiedere sacrifici alla gente se prima non fossimo riusciti a legare su basi di stabilità il bilancio. Quindi siamo fautori del nuovo bilancio triennale che è impostato su politiche che attuano un pieno pareggio tra entrate correnti ed uscite correnti. Abbiamo ben presenti i sacrifici che ogni famiglia sarà chiamata a fare dalla finanziaria: IMU, IRPEF, Accise sui carburanti, inflazione generalizzata. Tutto ciò va a costituire una serie di passi indietro che non ci aspettavamo. Alcuni malvolentieri li potranno anche fare, ma molte altre famiglie sono già ora sulla soglia di povertà. E' per questo motivo che è stata posta particolare attenzione per salvaguardare i redditi più bassi dall'IRPEF, è per questo motivo che non sono stati ridotti gli stanziamenti sul sociale. Sono questi i motivi per i quali chiamiamo tutta la maggioranza e i soggetti preposti nelle istituzioni a far propria non solo la cultura del bilancio, ma anche quella della gestione della cassa, coniugate con le politiche sociali ad esse connesse. Proprio perché i flussi di cassa dell'ente pubblico hanno dinamiche molto particolari, dovranno essere monitorati con attenzione ed accuratezza al fine di pianificare sul certo. Il fine di tutto ciò è riuscire ad essere incisivi nelle azioni di pagamento dei fornitori e di tutte quelle partite utili all'attività del Comune. Riteniamo che anche questo sia un modo per tutelare il lavoro ed i lavoratori. Siamo andati a riguardare le filiere di tutte le attività e i servizi erogati dal comune nell'intento di ottimizzarli al massimo. E' stato chiesto un grande sforzo a tutto l'apparato del comune per presidiare tutte le fasi strategiche finalizzate al consolidamento del bilancio. Dobbiamo e vogliamo portare i conti del comune ad un buon equilibrio per fine legislatura.

Nessuna distrazione o debolezza nei confronti di ciò che non sia ritenuto strettamente indispensabile. Con l'aiuto e la compartecipazione di tutta la maggioranza, dei cittadini e delle aziende del territorio potremo conseguire questi risultati.

Va cambiato il modo di far politica e di governare, è necessario un concorso di idee cui Italia dei valori chiama tutti i cittadini e al quale non si sottrarrà. Anche tutte le altre forze politiche dovranno adeguarsi abbandonando vecchie tradizioni o modus operandi. Non vogliamo più trovarci di fronte alla attuale situazione. Le crisi non vanno negate, non possono essere solo subite, ma individuate per tempo e da queste si deve uscire con interventi concreti e tesi a salvaguardare le famiglie e il lavoro.

In una fase così difficile ci sentiamo chiamati ad essere sentinelle democratiche, non accetteremo mezze misure nell'attuazione di politiche a tutela del bilancio comunale, dei cittadini e del territorio. Non tollereremo atteggiamenti dissipatori e non oculati. Peraltro non stiamo dichiarando la resa dei confronti di questa crisi globale, vogliamo renderci attivi nel proporre idee che consentano di realizzare modelli sociali consapevoli, giusti, ed in linea con i valori che tutti i giorni cerchiamo di testimoniare.

ITALIA DEI VALORI - SAN GIULIANO TERME

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Giuliano Terme, Idv: punti fermi sul bilancio di previsione 2012-2014

PisaToday è in caricamento