Strutture comunali in disuso: "Siano usate per mitigare i problemi di spazio delle scuole"

Diritti in Comune segnala gli spazi che il Sindaco di Pisa aveva segnalato come disponibili per essere usate dall'Università

Gli Arsenali Repubblicani

La riapertura delle scuole a Pisa, come in tante realtà d'Italia, è segnata da numerosi disagi per studenti, famiglie, docenti e personale Ata. Diritti in Comune chiede all'amministrazione di "aprire subito un confronto con gli istituti scolastici per poter riutilizzare alcune delle strutture comunali in disuso, al fine di consentire a docenti e studenti di svolgere le lezioni in sicurezza senza sacrifici eccessivi per la buona qualità della didattica". Lo scopo è quindi quello di mitigare i problemi derivanti dalla "cronica carenza cronica di personale docente ed Ata, oltre alll'inadeguatezza delle strutture che ospitano gli alunni".

"Solo nel territorio di Pisa - prosegue Diritti in Comune - ci sono tanti spazi vuoti, molti dei quali nella disponibilità del Comune, che potrebbero essere utilizzati come aule scolastiche. Lo stesso sindaco, Michele Conti, qualche mese fa fece un elenco di strutture libere che l’Università di Pisa avrebbe potuto utilizzare per la ripresa dell’attività didattica. Tra queste, l’ex asilo 'Coccapani', gli Arsenali Repubblicani, alcune strutture degli ex Vecchi Macelli, i locali della ex biblioteca comunale, alcune cliniche inutilizzate al momento dalla stessa Università al Santa Chiara, alcune chiese dismesse come San Zeno, palazzo Lanfranchi".

Le soluzioni al momento trovate infatti "hanno in comune il sacrificio richiesto alla didattica" dice in una nota il gruppo consiliare, che elenca: "Al Liceo 'Carducci' la maggior parte delle classi fa didattica 'mista', ossia una parte degli alunni segue le lezioni da casa al computer. Difficoltà anche al Liceo 'Buonarroti' che è ospitato con 13 classi presso il polo 'Piagge' fino al 31 gennaio 2021. Sono stati sacrificati tutti i laboratori per far posto alle classi e, per alcune di esse, l'orario è stato compresso in cinque giorni alla settimana. Al Liceo 'Dini', si stanno alternando, per alcune classi, un certo numero di settimane di didattica in presenza con una settimana di didattica a distanza. Alcune classi sono ospitate presso l’Istituto 'Galilei-Fibonacci', altre presso il polo 'Piagge'. All’Istituto 'Santoni' sono stati occupati molti laboratori, l’aula magna ospita due classi, presidenza e sala docenti sono state trasferite in ambienti più piccoli per far posto alle classi. Problemi di spazi si sono verificati anche al Liceo 'Russoli', sebbene siano in via di superamento. Nella maggior parte delle scuole non sono utilizzabili le palestre, a causa del gravoso lavoro di pulizia che sarebbe necessario nel cambio tra una classe e l'altra. Al momento, si svolge l’attività fisica all'aperto, dove e quando possibile. Con l'avvicinarsi dell'inverno diventerà sempre più difficile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Strutture sociosanitarie: focolai in tre centri del pisano

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

Torna su
PisaToday è in caricamento