7 gennaio 1990, la Torre chiude al pubblico: undici anni di lavori per la messa in sicurezza

Gli interventi, finalizzati a ridurre la pendenza del campanile, hanno riportato la struttura ai livelli di inclinazione di inizio '800. Il 15 dicembre 2001 la riapertura

Esattamente 31 anni fa, la Torre di Pisa, simbolo della nostra città nel mondo e visitata ogni anno da turisti provenienti da ogni parte del pianeta, venne chiusa per lavori di messa in sicurezza. Era infatti il 7 gennaio 1990 quando il campanile della cattedrale di Santa Maria Assunta venne interdetta al pubblico per lunghi e complessi interventi finalizzati a ridurne la sua pendenza, aumentata progressivamente e pericolosamente nel corso dei secoli. Operazioni che costarono complessivamente circa 53 miliardi di lire e che si protrassero per ben undici anni, con la Torre, riportata ai livelli di inclinazione che aveva agli inizi dell'800, che riaprì le porte ai visitatori soltanto il 15 dicembre 2001. I lavori realizzati in quel decennio abbondante, secondo gli esperti, dovrebbero garantire la sicurezza della struttura per i prossimi due/tre secoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Toscana zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 16 gennaio

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Coronavirus in Toscana: 379 nuovi casi positivi

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Pisa S.C., vicina la svolta: il magnate russo Knaster vuole acquistare il club

Torna su
PisaToday è in caricamento