Trekking in Toscana: 7 itinerari consigliati per immergersi nella natura

Dagli Appennini fino ai sentieri del litorale, nella nostra Regione le opportunità per divertirsi praticando il trekking sono moltissime

L'escursionismo è un'attività motoria e sportiva basata sul camminare nel territorio a scopo di studio o svago, lungo percorsi poco agevoli che tipicamente non possono essere percorsi con i mezzi di trasporto convenzionali (sentieri, sentieri a lunga percorrenza, alte vie, mulattiere, ippovie ecc.). Spesso, derivando il termine dalla lingua inglese, viene indicato anche come trekking o hiking; il primo termine deriva dal verbo inglese to trek, che significa camminare lentamente o anche fare un lungo viaggio; il secondo deriva dal verbo inglese to hike, che significa camminare.

Escursioni in Toscana

Sono numerosi i sentieri e i tracciati per il trekking realizzati nella nostra Regione. Dagli Appennini fino alle piste che conducono sulla costa, in Toscana è possibile apprezzare la varietà dei paesaggi indossando un paio di comodi scarponi.

La Riserva naturale dell’Orrido di Botri è uno di quei luoghi magnifici della natura italiana che, tuttavia, è privo della fama che merita. Si tratta di una sorta di canyon, avvolto in una natura florida e rigogliosa, a tratti selvaggia, che definisce un’area naturale protetta ampia poco meno di 200 ettari nella provincia di Lucca. Il luogo, tutelato dallo Stato sin dal 1971, è delegato al controllo del Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari (già Corpo Forestale dello Stato) dei Carabinieri. Le visite all’Orrido di Botri possono essere effettuate senza guida o con l’ausilio di un esperto nel periodo compreso tra i mesi di maggio e ottobre.

La Toscana è una terra dalla bellezza sorprendente, dove si mescolano elementi storici e naturali di pregio, quali le Balze del Valdarno.  Si tratta di particolari conformazioni geologiche che danno vita ad un paesaggio unico e particolare e rendendolo del tutto simile a un canyon. Visitarle significa ammirare una delle principali attrazioni dell’entroterra toscano e del Valdarno, zona pregevolissima e ricca in attrazioni. Tra borghi, colline coltivate a vino e antichi allevamenti, ci immergiamo nella natura di un curioso, quanto affascinante, pezzo del Bel Paese.

Il modo migliore per raggiungere questa bellezza paesaggistica è tramite l’automobile, percorrendo l’autostrada A1, uscendo a Valdarno e seguire le indicazioni per Castelfranco di Sopra. Una volta giunti in prossimità del centro del paese, dovranno essere seguite le indicazioni per le Balze, fino a raggiungere la località di Riguzze a Botriolo, dove dovrà essere lasciata l’auto e da dove sarà già possibile avere un primo assaggio della vista delle Balze.

Mai sentito parlare di Cala Violina e della sua sabbia bianca? Siamo tra Follonica e Punta Ala, nella Riserva Naturale delle Bandite di Scarlino che si estende per 6000 ettari in provincia di Grosseto. La Riserva naturale toscana, precisamente della Maremma, è stata istituita negli anni ’70. Sotto il nome di Bandite di Scarlino va la foresta che fa parte dei Comuni di Castiglione della Pescaia, di Gavorrano, di Scarlino e Follonica. In particolare, Cala Violina, posta tra due promontori, è famosa per le sue acque trasparenti.

Un’escursione in Garfagnana, nel cuore del Parco delle Alpi Apuane, nel ventre della terra nelle Grotte del Vento, a Fornovolasco, nel comune di Fabbriche di Vergemoli (Lucca). Secoli di erosione hanno modellato e continuano incessantemente a scavare e scolpire le rocce calcaree dando origine a maestose e originali sculture naturali.

Ci vuole davvero poco per innamorarsi del trekking in Lunigiana. Questa splendida zona naturale della Toscana, circondata dal Parco nazionale dell’Appennino Tosco-emiliano, dal Parco regionale delle Alpi Apuane, e da due aree naturali protette lungo il Fiume Magra, tra Filattiera, Terrarossa, Aulla, è stretta dunque fra la Toscana e la Liguria, tra le province di Massa Carrara e La Spezia. Terra di confine e di passaggio, tutta intrisa ancora oggi delle suggestioni che accompagnavano i pellegrini sulla via Franchigena, con panoramiche visioni verso il mare e il Golfo dei Poeti. Un territorio punteggiato da borghi, castelli, pievi medievali, cittadine di grande fascino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bagni San Filippo: siamo in un luogo della natura straordinario, alla scoperta della più bella tra le terme in Toscana. C’è una balena bianca alla fine del sentiero: si tratta di una cascata suggestiva che assomiglia proprio alla bocca di un cetaceo. La Balena Bianca è sicuramente la guest star di Bagni San Filippo, frazione di Castiglione d’Orcia, in una delle zone più belle della provincia di Siena, la Val d’Orcia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colta alle spalle e rapinata di notte in via Notari: due arresti, si cerca il terzo

  • Coronavirus in Toscana, 61 nuovi casi: 8 in più a Pisa

  • Incidente stradale lungo l'Aurelia: un morto e tre feriti

  • Minore scomparso a Calambrone: 15enne ritrovato

  • Nuovo supermercato in Borgo Stretto: "Affossate le piccole attività"

  • Meteo, quando finirà il grande caldo? Le previsioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento