Cittadella - Pisa 1-1 | Pareggio pesante per i nerazzurri nella corsa alla salvezza

Pinato sigilla la supremazia del Pisa portando in vantaggio i suoi al termine del primo tempo. Nella ripresa il Cittadella raggiunge il pari soltanto su rigore

Dopo tre sconfitte consecutive il Pisa torna a segnare e fare punti lontano dall'Arena Garibaldi. Lo fa con una partita intelligente e ordinata, passando meritatamente in vantaggio con Pinato, migliore in campo per distacco, e subendo il pareggio soltanto dal dischetto. Il penalty fischiato a Masucci è da rivedere, anche se il tocco pare evidente. I nerazzurri salgono a quota 17 ma non riescono a mantenere inviolata la porta: con quella di oggi la striscia di gare con reti subite sale a undici.

La prima frazione si apre con il Pisa schiacciato dalla manovra del Cittadella, che nel primo quarto d'ora colleziona ben cinque corner e chiama all'intervento in due occasioni Gori. Nella prima il portiere nerazzurro è bravo a deviare l'incornata di De Marchi, nella seconda il diagonale di Vita crea un po' di scompiglio nell'area pisana. Gradualmente la squadra di Luca D'Angelo acquisisce fiducia e metri sul terreno di gioco, spinta dalla fisicità di Pinato e dalle geometrie di Moscardelli e De Vitis. E' proprio il numero 30 che chiama al miracolo Paleari con un destro di controbalzo dal limite che non si infila all'incrocio soltanto per il balzo del portiere del Cittadella. Ma due minuti prima dell'intervallo il Pisa passa. Il protagonista è ancora Pinato, che prima apre a destra per Birindelli e poi va a raccogliere il cross del terzino schiacciando imparabilmente in rete: primo gol in nerazzurro per la mezzala. Nel secondo tempo il Cittadella prova a spingere con maggiore vigore fisico, ma non va oltre cinque corner calciati in serie che non creano pericoli. Il Pisa però praticamente non si affaccia più sulla trequarti avversaria, fatta eccezione per l'inzuccata sporca di Aya che scheggia il palo con Paleari sorpreso. Il Cittadella pare avere le idee appannate ma trova nell'acquitrino del 'Tombolato' l'episodio favorevole. Masucci interviene in modo un po' goffo sull'ennesimo corner dei veneti e tocca la palla con la mano. Amabile indica il dischetto nonostante le proteste dei nerazzurri: Iori spiazza Gori e sigilla il punteggio sull'1-1.

La partita

Quindici giorni dopo l'ultimo impegno ufficiale, è di nuovo Serie B. Il Pisa, reduce dalla bellissima vittoria in rimonta nella sfida con lo Spezia, fa visita alla terza forza della Serie B: il Cittadella, capace di arrivare a poco meno di 90' dalla Serie A nella scorsa stagione e protagonista, anche in questa annata, di un avvio decisamente positivo. Un impegno che misurerà la capacità del gruppo di Luca D'Angelo di affrontare gare dall'alto coefficiente di difficoltà tecnica, dopo le recenti tre sconfitte consecutive lontano dall'Arena. Il tecnico nerazzurro sorprende proponendo uno schieramento titolare del tutto inedito, nel quale figurano Birindelli (al rientro dopo la squalifica di tre turni rimediata nel derby di Livorno) e Minesso, posizionato nel ruolo di trequartista. In attacco Masucci fa da spalla a Moscardelli, per la prima volta in campo dal 1' da inizio stagione. In difesa, oltre alla corsia destra, cambia anche la fascia sinistra: fuori Lisi, dentro Liotti. Non muta invece lo scheletro centrale, composto dai centrali Aya e Benedetti e da De Vitis in cabina di regia. La linea mediana è completata da Pinato e Siega. Pochissime sorprese invece nella formazione del Cittadella: Diaw e De Marchi compongono la coppia offensiva, Iori detta i tempi in mezzo e l'altro ex Benedetti presidia la fascia difensiva mancina.

Parte meglio il Cittadella, che nei primi cinque minuti di gioco colleziona due corner e chiama alla prima parata del pomeriggio Gori. Benedetti pennella il cross a centro area per De Marchi, che incorna sul secondo palo: il portiere nerazzurro vola sotto l'incrocio per deviare in angolo. I nerazzurri non riescono a trovare le giuste misure nella manovra e il Cittadella mette a referto la seconda occasione del pomeriggio al 13'. Il diagonale di Vita impegna Gori, non perfetto nella respinta: la palla si impenna, ma né Branca né D'Urso trovano l'impatto per il tap-in e il pericolo si spegne. 

Gradualmente la spinta dei padroni dei casa si affievolisce, gli scambi degli uomini di Venturato si fanno meno precisi e anche il Pisa riesce ad entrare in partita. De Vitis e Pinato riescono a dare più ritmo alla manovra nerazzurra e tutta la squadra riesce a guadagnare qualche metro sul terreno di gioco. Il primo squillo del Pisa porta la firma di Pinato, bravo a partire in progressione al 36' dopo il recupero della palla di Minesso. Il numero 21 arriva al limite dell'area e calcia rasoterra: palla a lato di un metro abbondante. Trascorrono due minuti e Paleari vola sotto alla traversa per deviare in corner la botta di controbalzo di De Vitis: il numero 30 calcia dal limite con precisione e potenza, ma il portiere granata sfodera il miracolo. Il Pisa adesso ha più fiducia e convinzione e chiude la prima frazione in avanti, e poco prima dell'intervallo mette la freccia. Pinato al 43' raccoglie la palla a metà campo e allarga a destra per Birindelli, libero di scendere sulla fascia. Il numero 2 guarda a centro area e crossa in profondità sul secondo palo: dalle retrovie irrompe proprio Pinato, che schiaccia di testa in modo imparabile. Nerazzurri in vantaggio.

Il secondo tempo si apre con il Cittadella impegnato a giocare con maggiore fisicità nella metà campo del Pisa: i granata collezionano cinque angoli in un quarto d'ora, ma il fortino guidato da Aya e Benedetti resiste senza correre particolari pericoli. Il brivido più grande lo fa correre invece il Pisa, che scheggia il palo di Paleari al 64'. Aya svetta a centro area e colpisce in modo sporco: il portiere legge male la traiettoria e la palla scheggia il montante. La sfida si fa ancora più intensa sul piano agonistico una volta passata l'ora di gioco, anche a causa della pioggia sempre più battente. D'Angelo quindi richiama Pinato in favore di Verna e Birindelli per sostituirlo con Ingrosso, alzando quindi i centimetri della linea difensiva e portando a tre il numero di centrali.

I padroni di casa sembrano non avere moltissime idee, ma trovano l'episodio favorevole dal corner. Masucci interviene in scivolata sul primo palo ma la palla gli sbatte sul braccio: Amabile indica il dischetto. Si incarica della battuta Iori: al 76' è 1-1. Ci si aspetta l'arrembaggio del Cittadella alla ricerca del gol del vantaggio, invece i nerazzurri non arretrano di un centimetro e proteggono la porta di Gori, che di fatto non è chiamato mai alla parata. I granata conquistano alcune punizioni sulla trequarti, però il Pisa non vacilla.

Le pagelle

Il tabellino

Cittadella - Pisa 1-1

Cittadella (4-3-1-2): Paleari; Benedetti, Adorni, Perticone, Ghiringhelli; Vita, Iori, Branca (71' Luppi); D'Urso (80' Proia); Diaw, De Marchi (64' Rosafio). All. Venturato

Pisa (4-3-1-2): Gori; Liotti, Aya, Benedetti, Birindelli (72' Ingrosso); Pinato (70' Verna), De Vitis, Siega; Minesso; Moscardelli (80' Asencio), Masucci. All. D'Angelo

Reti: 43' Pinato (P), 76' Iori (C) rig.

Ammoniti: Aya (P), Vita (C), Minesso (P), Masucci (P), Iori (C)

Note: arbitro Daniel Amabile; angoli 12-2 (5-1); recupero 0' e 4'

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, quando arriva la neve in pianura

  • "Un'offesa senza precedenti": è polemica sul video del trapper Bello Figo girato all'Università

  • Si ferma ad un distributore e si masturba 'di fronte' ad una donna che fa rifornimento

  • Neve e ghiaccio in Toscana: allerta meteo

  • "Elicotteri da guerra nella fabbrica di Ospedaletto": Rebeldia contro Leonardo Spa

  • Donna scomparsa a Volterra: trovata morta in fondo alle Balze

Torna su
PisaToday è in caricamento