'Riparti Pisa': il giudizio di Confesercenti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

“Un passo importante e soprattutto concreto a sostegno delle imprese che recepisce le nostre richieste. Adesso, però, subito a lavoro per preparare la fase 2 per quanto riguarda le aperture”. Il presidente area pisana di Confesercenti Toscana Nord Luigi Micheletti interviene sul piano “Riapri Pisa” annunciato dal sindaco Michele Conti. “Ci sono misure apprezzabili e soprattutto fortemente richieste dalle imprese, a cominciare dall’azzeramento della tassa per il suolo pubblico. Avevamo fatto presente al sindaco come uno slittamento della Cosap fosse stato necessario come primo passo ma che avrebbe avuto bisogno di un ulteriore sforzo fino all’annullamento. Siamo soddisfatti quindi della decisione anche se resta ancora da capire cosa succede per coloro che hanno già pagato una prima tranche della tassa”. Poi la questione affitti commerciali e Tari. “Era stato di pochi giorni fa il nostro accorato appello ai proprietari dei fondi affinchè trattassero con i propri affittuari la questione dei canoni in questi mesi di lockdown. Adesso il Comune recepisce la gravità della situazione mettendo a disposizione 700.000 euro per l’abbattimento degli affitti e dando un esempio ai proprietari con la riduzione del 30% degli affitti riscossi dal Comune. Stesso discorso per la Tari – insiste Micheletti – con un contributo di 500.000 euro per scontare una tariffa nei mesi in cui la produzione e la raccolta dei rifiuti non sono state effettuate per le attività chiuse. In questa direzione chiediamo uno sforzo anche per quelle attività stagionali, come stabilimenti balneari e campeggi, che pur restando aperte avranno purtroppo incassi molto inferiori agli anni precedenti”. La conclusione del presidente area pisana. “Detto che apprezziamo anche l’accoglimento della nostra richiesta di eliminare la ztl sui lungarni, siamo disponibili a partecipare alla cabina di regia soprattutto per organizzare la ripartenza”.

Torna su
PisaToday è in caricamento