Alternanza scuola lavoro in Auxilium progettando prototipi da applicare in Burchina Faso

Dall’esperienza in Burchina Faso e dal’Alternanza scuola Lavoro in Auxilium Vitae e Volterra Ricerche nuovi spunti per il corso di Prototipazione veloce dell’ITS “A. Santucci” di Pomarance

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

L’esperienza del Burchina Faso continua a stimolare i ragazzi dell’ITIS “A. Santucci” di Pomarance Una delle attività che ha più formato i ragazzi della scuola nell’anno scolastico 2018/2018 è stata quella che li ha visti protagonisti di un’esperienza in Burchina Faso, dove hanno montato dei pannelli fotovoltaici su una scuola ed hanno potuto incontrare molti loro coetanei con esperienze di vita del tutto diverse. Dei ragazzi andati in viaggio, accompagnati dalla preside Balducci e dai prof. Gorelli , Reali e Lipari, 4 erano dell’ITIS “A. Santucci” di Pomarance. Il diario del viaggio è stato pubblicato anche sul quotidiano La Repubblica, ma quello che più conta è l’emozione che hanno messo i ragazzi nel raccontarlo ai propri compagni. L’effetto è stato simile ad un domino e tutta la scuola si sta adoperando per migliorare la vita dei coetanei in Burchina Faso. Concretamente insieme all’associazione Amici per l’Africa due settimane fa è stata organizzata una spedizione con un motogeneratore, dei libri didattici, materiale per la scuola etc, ma la scuola si sta adoperando, con la sua sezione Industriale e Geometri, anche alla progettazione di nuove aule scolastiche, magari energeticamente autonome, di cui vuole promuovere la costruzione in Burchina Faso.

A dimostrazione dell’interesse che questa iniziativa ha avuto sui ragazzi è importante ricordare che durante l’alternanza scuola e lavoro in Auxilium, grazie anche alla collaborazione con Volterra Ricerche, è stato realizzato un prototipo di un controllore che misurata l’umidità del terreno possa agire su delle elettrovalvole per consentire una corretta ed oculata irrigazione dei campi. In quei luoghi, dove l’acqua è una risorsa veramente rara, la sua gestione acquista un’importanza vitale. Anche a seguito di quest’esperienza di alternanza quest’anno la scuola intende sottoporre al comitato tecnico scientifico del progetto SEI, finanziato dal Comune di Pomarance, la possibilità di realizzare un manufatto all’interno del corso di PROTOTIPAZIONE VELOCE che possa sviluppare quanto fatto fino alla sua ingegnerizzazione e realizzazione secondo tecniche similari a quelle che possono essere utilizzate realmente per la produzione.

Torna su
PisaToday è in caricamento