menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cittadinanza onoraria di Vittorio Veneto per gli iscritti dell'Università di Pisa caduta nella prima guerra mondiale

Sono 132 i professore, studenti e dipendenti dell'Ateneo morti nel corso del conflitto del '15-18': giovedì 28 gennaio sono stati ricordati nel corso della cerimonia tenuta nel cortile del Palazzo della Sapienza

Celebrare la memoria di 132 tra professori, studenti e dipendenti dell’università di Pisa che hanno perso la vita nella prima guerra mondiale. E’ il senso dell’iniziativa che si è svolta giovedì 28 gennaio al Palazzo della Sapienza dell’Università di Pisa, con la consegna ai caduti dell’Ateneo della cittadinanza onoraria di Vittorio Veneto, luogo divenuto simbolo della vittoria dell’esercito italiano su quello austro-ungarico nel primo conflitto mondiale. Un riconoscimento simbolico, istituito in occasione del centenario della Grande Guerra. Alla cerimonia hanno partecipato il sindaco di Pisa, Michele Conti, il rettore dell’ateneo pisano, Paolo Mancarella, e le autorità civili e militare cittadine.

"Quella di stamani - ha detto il sindaco di Pisa, Michele Conti - è la prima di una serie di iniziative culturali e commemorative volte a ricordare i caduti pisani della prima guerra mondiale. Il calendario che prende il via con la cerimonia di oggi, accogliendo la proposta di sensibilizzazione dell’ANCI e del Gruppo delle medaglie d’oro al valor militare d’Italia che ha ideato il progetto commemorativo 'Milite Ignoto - Cittadino d’Italia (1921-2021)', si articola nel corso di tutto l’anno. In quest’anno, infatti, ricorre il centenario della traslazione della salma del Milite Ignoto all’Altare della Patria, durante la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate avvenuta a Roma il 4 novembre 1921. Nel corso degli anni quel soldato 'di nessuno' è divenuto 'di tutti', simbolo del sacrificio e del valore dei combattenti della prima guerra mondiale e, successivamente, di tutti i caduti per la Patria assurgendo la sua tomba a simbolo di quanti hanno donato generosamente la propria vita per l'Italia. Fra questi, molti ragazzi partirono da Pisa, giovani universitari che entrarono a Vittorio Veneto".

"L’Università di Pisa - ha proseguito Conti - è sempre stata fucina di saperi e di valori, una comunità di studiosi permeata di nobili tensioni ideali che hanno portato studenti e professori a occuparsi non solo della propria crescita culturale e intellettuale ma anche della comunità nazionale di cui facevano parte. Dal nostro Ateneo, già nel 1848 gli studenti insieme ai loro professori partirono per comporre il Battaglione Universitario, che prese parte alla battaglia di Curtatone e Montanara, scrivendo una delle pagine più belle del contributo pisano all'indipendenza e unità del Paese. Una tradizione di impegno e sacrificio che si è mantenuta nel tempo e anche dopo l’Unità d’Italia".

"Furono tantissimi i membri della nostra comunità che diedero il proprio contributo allo sforzo bellico - ha ricordato il rettore Paolo Mancarella - 132 furono i nostri caduti e di questi ben 112 studenti. Tra di loro, tre medaglie d’oro al valor militare. Quelle di: Giovanni Bertacchi, iscritto alla facoltà di lettere; Leopoldo Pellas, studente di giurisprudenza, e Vincenzo Zerboglio morto a pochi giorni dalla fine del conflitto. A tutti loro il nostro Ateneo conferì la laurea in lettere ad honorem. E’ un grande onore per la nostra università ricevere questa pergamena con la quale viene riconosciuta ai professori, al personale universitario e agli studenti del nostro Ateneo caduti durante la Grande Guerra, la cittadinanza onoraria della città di Vittorio Veneto".

"Ringrazio Comune e Università di Pisa - ha affermato lo storico Federico Ciavattone - per aver promosso e sostenuto questa iniziativa così importante e significativa. La Prima Guerra Mondiale fu un conflitto di massa in cui fu risucchiata l’intera società italiana compresa l’Università, che vide partire per il fronte studenti, professori e personale non docente. Il nostro Ateneo, in particolare, pagò il conflitto a caro prezzo con la morte di 132 persone, principalmente studenti che avevano scelto Pisa per conseguire la laurea. Laurea che sarebbe arrivata ad honorem solo dopo la loro morte".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento