rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca

Comunicato stampa su foibe e esodo degli istriani, fiumani e dalmati

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

INTORNO ALLA QUESTIONE DEL GIORNO DEL RICORDO. Il consiglio comunale di San Giuliano Terme ha dedicato la seduta dello scorso 10 febbraio al Giorno del Ricordo, iniziando con un minuto di silenzio per le vittime delle foibe e dell'esodo. Come purtroppo sempre più spesso accade negli ultimi anni, anche l'iniziativa sangiulianese si è portata dietro degli strascichi di polemica su cui non vogliamo entrare. In qualità di soggetti dedicati alla conservazione e alla divulgazione della memoria storica, però ci sentiamo in dovere di intervenire sulla storia di quegli eventi sperando che le nostre osservazioni possano essere stimolo per un dibattito politico approfondito. Il Giorno del ricordo commemora «la tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale» (legge 92/2004). Foibe ed esodo sono due eventi distinti: le uccisioni legate alle foibe avvennero nell'autunno del '43 (circa 500-700 morti) e nella primavera-estate del 1945 (circa 3.000-4.000 morti), l'esodo fu un fenomeno lungo, dai primi anni '40 fino alla metà degli anni '50. Non bisogna confondere l'esodo (una fuga indotta) con la deportazione (uno spostamento forzato). Vista la complessità della vicenda, legata in particolare all'onda lunga della violenza del fascismo dal 1920 fino all'occupazione del territorio jugoslavo tra 1941 e 1943 (documentata ora da una mostra virtuale molto ben fatta: https://www.occupazioneitalianajugoslavia41-43.it/), non si possono banalizzare né tanto meno travisare i fatti. Norma Cossetto non è il simbolo del Giorno del Ricordo, così come Anna Frank non è il simbolo del Giorno della Memoria: le vicende personali servono per capire meglio i fenomeni storici, perché li arricchiscono di dettagli e di complessità esistenziale, non devono essere usate per ridurne il significato e la portata. Il Giorno della Memoria è anche il giorno dei deportati politici e delle altre vittime dei campi di sterminio, il Giorno del Ricordo deve servire ad avvicinarsi alla tragedia bellica e al lutto delle vittime, interrogandoci anche sulle responsabilità dell'esercito di occupazione italiano nei confronti delle popolazioni jugoslave. Senza questo tassello non viene rispettata né la legge 92/2004, né il senso storico degli eventi. Come Biblioteca Franco Serantini Istituto di storia sociale, della Resistenza e dell'età contemporanea della provincia di Pisa e ANPI di San Giuliano Terme siamo disponibili ad un confronto sulla base di documenti e materiali per approfondire la storia di quel tragico periodo. 


BFS ISSORECO ANPI San Giuliano Terme

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunicato stampa su foibe e esodo degli istriani, fiumani e dalmati

PisaToday è in caricamento