Cronaca

San Giuliano Terme, divieto di botti per le feste: "Per evitare incidenti"

Oltre ad essere pericolosi per le persone, i petardi provocano anche attacchi di panico ed infarti in cani e gatti. Il sindaco: "A qualcuno sembrerà sicuramente una misura eccessiva, ma è stato peraltro richiesto da molti cittadini"

Anche San Giuliano Terme, come già Volterra, si unisce al coro dei contrari ai tradizionali botti di fine anno e con una apposita ordinanza sancisce il divieto di petardi e fuochi d'artificio nel periodo che va dal 25 dicembre 2015 al 1° gennaio 2016.

"La tradizione - afferma il sindaco Sergio Di Maio - ha un risvolto tragico: ogni anno le cronache ci raccontano di ferimenti anche gravi e di altri danni, come gli incendi, causati dall’uso scorretto dei petarti e dei fuochi d’artificio. Un bilancio che spesso viene aggravato dagli animali selvatici e domestici che, terrorizzati dai ‘botti’, possono causare seri e gravi incidenti automobilistici".
"A proposito è importante sottolineare che gli animali domestici sono particolarmente sensibili ai ‘botti’. Il fragore dei petardi e dei fuochi di artificio scatena infatti negli animali una istintiva reazione di paura che li porta a reagire spesso in modo esagerato - sottolinea ancora il primo cittadino - molti cani, in particolare, mostrano i sintomi di un vero e proprio attacco di panico. Secondo alcune stime, ogni anno in Italia i festeggiamenti di fine anno provocano la morte per infarto di circa 500 cani e altrettanti gatti".

Da tutte queste considerazioni la decisione dell'amministrazione comunale. "Per evitare ogni forma di rischio all’incolumità pubblica, soprattutto in relazione all’uso improprio dei prodotti pirotecnici o all'uso di prodotti non conformi alle vigenti leggi - spiega Di Maio - il Comune di San Giuliano Terme ha emesso una specifica ordinanza che vieta l’utilizzo dei ‘botti’ di ogni genere su tutto il territorio comunale dal 25 dicembre al 1 gennaio 2016. L’inosservanza di questa ordinanza è punita con una sanzione amministrativa pecuniaria".
"Una misura - conclude il sindaco sangiulianese - che a qualcuno sembrerà sicuramente eccessiva, ma che abbiamo ritenuto necessaria a tutela della quiete pubblica, della sicurezza e dell’incolumità di persone, animali e cose. Si tratta quindi di un gesto di rispetto e civiltà, peraltro richiesto a viva voce da molti cittadini".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Giuliano Terme, divieto di botti per le feste: "Per evitare incidenti"

PisaToday è in caricamento