Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Morto travolto da una scenografia a Pontedera: c'è un indagato

Non risultano regolari contratti di assunzione con un'azienda dell'hinterland napoletano: l'uomo lavorava al nero. Ci sarebbero anche irregolarità per quanto riguarda il rispetto delle normative di sicurezza sui luoghi di lavoro

Novità sulla vicenda della morte di Errico Formisano, il lavoratore di Ercolano morto giovedì a Pontedera mentre stava scaricando la scenografica dello spettacolo 'Medea' di Gabriele Lavia nel magazzino del Teatro della Toscana. L'uomo ha iniziato da solo le operazioni di scarico, senza aspettare i colleghi, e i pesanti pannelli lo hanno travolto, colpendolo alla gola e soffocandolo.

L'operaio, secondo quanto riporta Il Tirreno, lavorava al nero. Da tre anni Formisano prestava la sua opera per un'azienda di San Giorgio a Cremano (Napoli), ma non per tutto il periodo risultano regolari rapporti di lavoro. I Carabinieri hanno inviato una segnalazione all’ispettorato del lavoro campano per le verifiche di loro competenza, mentre il titolare dell'azienda è stato raggiunto da un avviso di garanzia e indagato per omicidio colposo.

Al vaglio di Carabinieri e Asl anche gli aspetti relativi al mancato rispetto delle normative di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Intanto lunedì è prevista l'autopsia sul corpo di Formisano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto travolto da una scenografia a Pontedera: c'è un indagato

PisaToday è in caricamento