Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Piazza Martiri della Libertà

Crollo mura a Volterra, i soldi ci sono: il capo della Protezione Civile firma l'ordinanza

Tre milioni di euro verranno messi a disposizione dalla Regione Toscana mentre uno dal Ministero dei Beni Culturali. "In 48 ore abbiamo trovato strumento e risorse per affrontare l'emergenza Volterra". Solidarietà espressa dall'assessore alla Cultura del Comune di Pisa

Il prefetto Franco Gabrielli ha firmato l'ordinanza di Protezione civile che mette a disposizione 4 milioni di euro (3 della Regione Toscana e 1 del Ministero dei Beni Culturali) per effettuare gli interventi urgenti per il ripristino delle mura di Volterra, crollate lunedì in seguito all'ondata di maltempo che ha colpito la zona nello scorso fine settimana.

A dare la notizia il ministro Dario Franceschini che ringrazia "la Regione Toscana e la Protezione Civile perchè con un proficuo lavoro di squadra in 48 ore abbiamo trovato strumento e risorse per affrontare l'emergenza Volterra".

Crollo sperone Volterra: predisposizione cantiere
Intanto oggi inizieranno le attività di predisposizione del cantiere in corrispondenza dello sperone di roccia crollato in piazza Martiri della Libertà, mentre nella giornata di lunedì 10 marzo sarà dato il via ai lavori di sistemazione.

E la solidarietà alla città di Volterra è espressa anche dall'assessore alla Cultura del Comune di Pisa Dario Danti. "Quello che è accaduto a Volterra con i numerosi crolli di mura antiche che si sono verificati dopo le piogge intense dei giorni scorsi, richiede l'attenzione prioritaria delle Istituzioni e, in particolare, del Governo al fine di realizzare un Piano straordinario di tutela, salvaguardia e monitoraggio a scopo di prevenzione dell'intera città - afferma Danti - la Regione Toscana ha già messo in campo risorse sufficienti a rispondere alla somma urgenza, ma ognuno deve fare la propria parte: non si tratta più e soltanto di ripristinare un tratto di mura antiche simbolo di identità e di storia di una comunità, ma di mettere in sicurezza l'intero complesso urbano di Volterra, che è, esso stesso, un bene culturale nazionale e mondiale".

"Anch'io faccio appello al Governo affinché, oltre all'individuazione e alla destinazione delle risorse che il Ministro Franceschini ha garantito per gli interventi di somma urgenza - prosegue l'assessore pisano - valuti la possibilità di candidare Volterra a divenire Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO e a pensare ad individuare risorse attraverso la destinazione straordinaria dell'8x1000, oltre a specifici finanziamenti europei. Rilanciamo inoltre l'idea, e su questo ci impegniamo da subito, che i capoluoghi toscani possano fare rete solidale affinché Volterra possa tornare a incantare con la sua austera bellezza".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo mura a Volterra, i soldi ci sono: il capo della Protezione Civile firma l'ordinanza

PisaToday è in caricamento