rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca

Operazione anti-camorra, ristoranti sequestrati nel pisano: AAA gestori cercasi

Sull'operazione, condotta dalla Procura Nazionale Antimafia, interviene anche Federico Pieragnoli che chiede di utilizzare la linea dura con chi non rispetta le regole. Intano si cercano nuovi gestori: ecco come fare domanda

"Chi gioca sporco non teme la crisi, nè ha paura di tasse e di controlli. Chi gioca sporco rischia di prevalere sempre, proprio a danno dei tantissimi imprenditori onesti che ancora, nonostante tutto, resistono. Per questo, plaudiamo all'operazione anti-camorra promossa dalle Forze dell'Ordine anche a Pisa, che ha permesso il sequestro di alcuni pubblici esercizi di proprietà malavitosa, utilizzati per il riciclaggio di denaro sporco". E' il direttore di Confcommercio Pisa Federico Pieragnoli a intervenire sull'operazione della Procura Nazionale Antimafia che in provincia di Pisa ha portato al sequestro di quattro ristoranti, utilizzati per il riciclaggio di denaro proveniente dall'attività illecita della camorra. 

"L'operazione porta alla luce dei riflettori la debolezza e l'incongruenza del nostro sistema economico, dove la normale logica concorrenziale viene troppo spesso accantonata, a favore di soggetti che possono contare su aderenze tutt'altro che trasparenti, attingendo a somme di denaro di provenienza illecita - prosegue Pieragnoli - imprenditori onesti, regolari e scrupolosi, vessati da una tassazione insostenibile, da una burocrazia costosa, miope e pervasiva, che ne indebolisce prospettive di crescita e di sviluppo. Sono proprio questi imprenditori, loro per primi, a chiedere con forza il rispetto della legalità e delle regole. Sono loro, con la loro semplice esistenza, gli anti-corpi naturali alle economie criminali di ogni tipo, che si parli di infiltrazioni mafiose piuttosto che di contraffazione e abusivismo commerciale. Senza gettare il discredito su di una intera categoria, auspichiamo il pugno di ferro verso tutti coloro, una minoranza, che operano fuori dalle regole, nel mondo sommerso e criminale dell'illegalità. Al contrario, riconosciamone il valore e garantiamo tutti maggior sostegno, tutela e protezione, al resto delle imprese regolari”.

GESTORI PER I LOCALI SEQUESTRATI. Intanto ora l'obiettivo principale degli inquirenti è quello di dare un seguito all'attività dei cinque ristoranti sequestrati in Toscana (il ristorante/bar 'La Passeggiata' di Viareggio, il ristorante/pizzeria a San Giuliano Terme 'Salustri', il ristorante/pizzeria a Marina di Pisa 'L’Imbarcadero', il ristorante/pizzeria 'Antico Vicoletto' di Pisa e il 'Ristopizza L'arciere' sempre a Pisa). Si cercano quindi nuovi gestori. Chi fosse interessato dovra' mettersi in contatto col custode giudiziale inviando una mail con curriculum all'indirizzo selezionegestori@pec.it entro il 24 gennaio. L'intenzione del custode, Stefano Pozzoli, è di affidare gli incarichi entro fine mese, così da poter riaprire le attività in tempi brevi.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione anti-camorra, ristoranti sequestrati nel pisano: AAA gestori cercasi

PisaToday è in caricamento