'Giornate FAI di Primavera': la Villa del Gombo apre le sue porte

In occasione della 27ª edizione delle 'Giornate di primavera', il Fai propone la visita alla villa presidenziale e al Convento di San Girolamo a Volterra, dov'è custodita una creazione del maestro Giovanni Della Robbia

Le bellezze artistiche, culturali, paesaggistiche e architettoniche del territorio pisano spalancano le porte alla popolazione. Per la 27ª volta a consentire questo dialogo straordinario con appassionati, curiosi, turisti e cittadini è il Fondo Ambiente Italiano, che ha organizzato per sabato 23 e domenica 24 marzo le 'Giornate di Primavera'. Un evento apprezzato e molto partecipato che il Fai dal 1993 propone, aprendo alle visite guidate luoghi, siti e strutture disseminati in tutta Italia. Per quanto riguarda la provincia, nell'edizione 2019 la delegazione pisana ha ottenuto l'accesso alla Villa del Gombo nel Parco di San Rossore e al Convento di San Girolamo a Volterra

La Villa del Gombo, immersa all'interno di quella che era la tenuta presidenziale (e prima ancora proprietà dei Savoia) nel Parco di San Rossore e costruita dagli architetti Luccichenti e Monaco su indicazione del presidente della Repubblica Giovanni Gronchi negli anni '50, potrà essere visitata sabato 23 e domenica 24 marzo nei seguenti orari:

  • sabato dalle 14 alle 17.30 (ultimo ingresso alle 17);
  • domenica dalle 10 alle 17.30 (ultimo ingresso alle 17).

"Verranno delimitate delle zone dove i visitatori potranno lasciare i loro mezzi - spiega Giovanni Maffei Cardellini, presidente del Parco Regionale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli - da lì ci saranno le indicazioni per arrivare al banco del Fai, dove si potrà prendere la navetta per raggiungere la villa".

Il Convento di San Girolamo a Volterra, oltre a schiudere ai visitatori le proprie bellezze architettoniche, svelerà anche il tesoro artistico contenuto all'interno delle cappelle laterali: le pale in terracotta invetriata bianca e azzurra, opera di Giovanni Della Robbia e risalenti al 15°-16° secolo. Il convento e le cappelle saranno visitabili nella giornata di domenica 24 marzo dalle 10 alle 17 (ultimo ingresso alle 16.30). Come ogni anno, l'ingresso ai siti aperti dal Fai sarà libero: i visitatori potranno contribuire con una donazione volontaria (preferibilmente dai 3 ai 5 euro) ai banchi della fondazione posti all'entrata; oppure sottoscrivendo l'iscrizione annuale (che consente di ottenere sconti e agevolazioni durante le 'Giornate di primavera').

Divulgare la bellezza

La visita alla Villa del Gombo sarà guidata dagli alunni della classe 1° A del liceo classico 'G. Galilei' di Pisa. "Anche questa è una particolarità che ha sancito il successo delle 'giornate di primavera' negli anni - commenta Patrizia Pinto, capo della delegazione di Pisa del Fai - il nostro obiettivo è rendere fruibili e accessibili la bellezza, la cultura, l'arte e i tesori architettonici più nascosti e meno conosciuti del nostro paese". "Nell'edizione del 2019 abbiamo voluto anche l'ambizione di dare il via ad un percorso più importante - prosegue Patrizia Pinto - desideriamo inserire la Villa del Gombo all'interno dei percorsi turistici già esistenti all'interno del Parco di San Rossore, e ridare slancio al gruppo Fai di Volterra, permettendo alla città e alle sue terre di sentirsi sempre più partecipe delle iniziative della fondazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il patrimonio artistico volterrano ha bisogno di essere divulgato meglio - sottolinea Marco Buselli, primo cittadino della città dell'alabastro - per riuscire a destagionalizzare e delocalizzare anche il turismo. Ben venga quindi la ricostituzione del gruppo Fai di Volterra, che può permettere anche la creazione di rapporti più forti e percorsi turistici meglio strutturati con Pisa". "Proprio questo penso sia il risultato più ambizioso al quale punta la delegazione pisana del Fai - conclude Paolo Pesciatini, assessore al Turismo del Comune di Pisa - il patrimonio artistico e culturale della provincia pisana è un contesto di beni che deve essere trasmesso interamente da padre in figlio.E' molto importante quindi dare ulteriore valore a questo contesto, per creare un'offerta che attiri tutti i tipi di turismo". "Le 'Giornate di primavera' quest'anno cadranno all'interno del cartellone di eventi preparato per la celebrazione del Capodanno Pisano - aggiunge Pesciatini - quale migliore occasione per unire la sfera sacrale e religiosa con l'attrazione turistica e far così scoprire gli aspetti meno noti di Pisa e della sua storia?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Scuola, nuovo incontro per la ripartenza: si va verso il prolungamento della didattica a distanza

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più e zero decessi nelle ultime 24 ore

  • Consegna a domicilio di cocaina: in manette due fratelli pusher

  • Coronavirus, sette nuovi casi: nessun positivo in più a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 19 nuovi casi, ultimo paziente in terapia intensiva

Torna su
PisaToday è in caricamento