Cronaca

Uccise con un pugno un cameriere in Corso Italia: condannato a 17 anni

Il 28enne tunisino è ancora latitante. Agì senza motivo mentre si trovava con alcuni amici nel centro città. La Polizia lo ha identificato grazie alla videosorveglianza

E' stato condannato a 17 anni di reclusione, in contumacia, dalla Corte di Assise di Pisa Hamrouni Hamza, il 28enne tunisino che nell'aprile del 2014 uccise con un pugno Zakir Hossain, un cameriere bengalese di 34 anni. L'aggressione avvenne in Corso Italia, nel pieno centro città. Il tunisino sferrò un unico pugno al volto al bengalese che caddè a terra sbattendo la testa nel muro, morendo poi in ospedale. Il nordafricano subito dopo l’aggressione fuggì all’estero ed è tuttora latitante. Il pm aveva chiesto 16 anni di carcere.
Fondamentali per il suo riconoscimento, e per quello degli amici che erano con lui (tutti denunciati per favoreggiamento), furono le immagini della videosorveglianza cittadina che ripresero la brutale aggressione.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise con un pugno un cameriere in Corso Italia: condannato a 17 anni

PisaToday è in caricamento