Tutti giù per terra contro le ordinanze antidegrado: la musica degli studenti nella notte pisana

L'iniziativa, promossa dalla Rete degli Studenti Medi e dall'Unione degli Universitari-Das Pisa, ha toccato le piazze del centro storico

Una serata di musica, canti e balli nelle piazze cittadine, un modo per dire no alle ordinanze antidegrado del sindaco Michele Conti e per dimostrare che la movida non sempre lascia sporcizia e rifiuti in giro per la città. Si è svolta ieri sera, sabato 8 dicembre, l'iniziativa 'Con maschera e boccaglio in Cavalieri' lanciata dalla Rete degli Studenti Medi e dall'Unione degli Universitari-Das Pisa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Piazza XX Settembre, piazza delle Vettovaglie, per chiudere poi "nella desolata piazza dei Cavalieri - ha commentato Sasha Grassini dell'Unione degli Universitari - per ricordarsi come erano i bei tempi". Prima cioè che fosse vietato sedersi per terra o sui gradini, prima dell'azione delle idropulitrici come deterrente ai tanti studenti che hanno fatto della piazza davanti alla Scuola Normale il loro luogo di ritrovo. Alla serata ha partecipato anche l'ex assessore Dario Danti, che qualche settimana fa, con un "atto di disobbedienza civile", come egli stesso lo ha definito, aveva ricevuto una multa per essersi seduto sul colonnato della chiesa di Santo Stefano.

"Le notti di Cavalieri non sono solo bottiglie rotte - ha affermato Sasha Grassini - ma sono anche cultura, confronto, cordialità, il bello di avere una piazza da vivere, ma ora ce l'hanno portata via con la scusa del degrado, solo una scusa appunto perchè in più di un'occasione noi studenti abbiamo cercato di collaborare per trovare soluzioni. Nessuno nega che a volte la situazione può essere sfuggita di mano, ma ciò non toglie che sia sbagliato allontanare gli studenti da Pisa perchè noi la animiamo. E ringraziamo anche gli studenti del Sud che anche stasera sono presenti".
Nelle piazze cittadine ha così risuonato la musica di due gruppi, i Plateìa e i Suonatori di Citofoni. In tanti hanno ascoltato rigorosamente seduti per terra, sfidando i provvedimenti dell'amministrazione comunale.

Quello di sabato sera è stato solo il primo di una serie di appuntamenti organizzati dagli studenti nel mese di dicembre. Il prossimo passo saranno le lezioni in piazza, un'altra sfida alla Giunta pisana che conta già l'adesione di una quindicina di docenti, tra professori universitari e delle scuole superiori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: i negozi che effettuano consegne a domicilio a Pisa e provincia

Torna su
PisaToday è in caricamento