rotate-mobile
Cronaca Centro Storico / Lungarno Galileo Galilei

Caschi gialli in corteo sui lungarni, traffico paralizzato: "40 minuti di ritardo a lavoro"

E' in corso di svolgimento la manifestazione per chiedere un intervento delle istituzioni a sostegno del mondo del lavoro. Lungarni chiusi al traffico, esplode la rabbia dei cittadini: "Nessun cartello, solo un vigile a dirigere il traffico"

Si sta svolgendo nel centro città la manifestazione contro la crisi promossa dalla CNA. Circa 150 mezzi e 500 persone stanno sfilando sui lungarni con tanto di bandiere, striscioni e caschi gialli in testa per chiedere alle istituzioni locali un maggiore impegno a sostegno delle imprese nella lotta alla crisi.

Pesanti le ripercussioni al traffico con i lungarni chiusi al traffico per consentire il passaggio del corteo. E non sono dunque naturalmente mancati i disagi per i cittadini che questa mattina dovevano recarsi al lavoro. "I lungarni questa mattina sono chiusi a Pisa, peccato che io e molti altri pisani non lo siamo stati - afferma Cecilia Nesti che ha scritto una lettera per rendere noto tutto il suo disappunto per la pessima gestione della viabilità - insieme ad altri disgraziati pisani questa mattina mi sono incolonnata in via Matteucci, per raggiungere il posto del lavoro, arrivata all'altezza del bar Salvini (rotatoria) un, e dico un solo, vigile faceva invertire il senso di marcia alle auto a causa della chiusura dei lungarni. Da via del Borghetto a Via Risorgimento ho impiegato 50 minuti e questo perché nessuno si è preso la briga di mettere un cartello, una segnalazione o un ausiliario del traffico che ai semafori di via Matteucci avvertisse le macchine - prosegue - non so davvero cosa dire, se non che ho ritardato l'arrivo al lavoro di 40 minuti".

CORTEO SUI LUNGARNI: I PROVVEDIMENTI AL TRAFFICO

"Diamo una scossa": i caschi gialli scendono in piazza

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caschi gialli in corteo sui lungarni, traffico paralizzato: "40 minuti di ritardo a lavoro"

PisaToday è in caricamento