Pontedera, nuovo attacco dei predatori: due pecore sgozzate dai lupi

La denuncia di Coldiretti. Ucciso anche un cucciolo di pastore maremmano

Le due pecore attaccate dai lupi a Treggiaia

Cinquanta capi ammazzati in un anno. Gregge decimato e produzione di latte quasi azzerata quando il lupo entra dentro il recinto. Siamo sulle colline di Treggiaia, nel comune di Pontedera. Anche qui, come nel resto della Toscana, i predatori non hanno più paura di nulla. L’ultimo caso risale ad alcuni giorni fa quando il gregge di Salvatore Briga, pastore siciliano da una vita a Pontedera, è stato attaccato dai lupi nonostante la presenza di una coppia di pastori maremmani e del recinto elettrificato. Conseguenze: due pecore sarde sgozzate. A farne le spese è stato anche un cucciolo di pastore maremmano di pochi mesi.

La denuncia parte da Coldiretti che ha dovuto raccogliere l’ennesima testimonianza di una categoria, quella dei pastori, messa a dura prova dalla presenza dei predatori. L’azienda agricola di Briga produce latte per la filiera casearia ma quando il lupo arriva la produzione crolla e si moltiplicano gli aborti. In un anno sono una cinquantina i capi uccisi dai lupi. “Sono lupi, non sono ibridi. Gli ho visti. Mi ci sono trovato faccia a faccia in diverse occasioni - racconta - da un paio di anni il prezzo che dobbiamo pagare per la loro presenza è insostenibile. Sono sempre spariti nell’arco dell’anno uno o due capi e li abbiamo sempre considerati una sorta di contributo alla biodiversità ma di questo passo della tradizione pastorizia resteranno solo le foto ed i ricordi”.

Gli avvistamenti sono stati diversi nelle ultime settimane così come le prese di posizione di Coldiretti in tutta la regione dove gli attacchi si sono moltiplicati. “I risarcimenti - spiega Fabrizio Filippi, presidente Coldiretti Pisa - non sono la soluzione, la soluzione è creare un equilibrio tollerabile per tutti. Fare agricoltura, soprattutto nelle aree marginali e più difficili, è già molto faticoso, la convivenza con elementi di aggravio dei fattori la rende anti-economica e di questo passo contribuirà a spopolare intere aree dove l’uomo con sacrificio è tornato negli ultimi anni. Il piano Lupo non è più rimandabile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Elezioni comunali a Cascina: i risultati definitivi

  • Coronavirus a scuola, tre studenti positivi: quarantena per compagni di classe e insegnanti

  • Ripartenza scuola e Coronavirus: mezza classe del liceo in quarantena a Pontedera

  • Cadavere di un anziano trovato in un fosso in zona La Fontina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento