Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Presidio di solidarietà al popolo palestinese a San Giuliano Terme

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

La comunità di San Giuliano Terme da sempre al fianco della lotta per l'autodeterminazione del popolo palestinese e contro l'occupazione militare israeliana, non che primo Consiglio Comunale italiano ad approvare una mozione di riconoscimento, nel febbraio 2015, dello stato di Palestina, manifesta la propria solidarietà ai palestinesi e a tutti i popoli oppressi (Kurdi e Saharawi in primis) sabato 5 giugno a partire dalle 17,30 davanti alle Terme. Il perdurare delle condizioni di oppressione, di negazione dei diritti e di repressione militare in cui è costretto il popolo palestinese costituiscono fonte di preoccupazione che intendiamo sottoporre all'attenzione dell'opinione pubblica e della leadership politica nazionale affinché prenda corpo una azione politico-diplomatica tesa a ristabilire i diritti negati e il principio di autodeterminazione dei palestinesi, nel solco del rispetto del diritto internazionale e delle numerose Risoluzioni Onu in merito. Nella cosiddetta Palestina storica, sotto l'unico potere israeliano vivono oggi, in condizioni fortemente differenziate, circa 6.8 milioni di ebrei e altrettanti palestinesi. Questi ultimi sono soggetti a forme di discriminazione che variano a seconda dei luoghi e della situazione, godendo di uno status inferiore rispetto a quello degli ebrei, e, oltretutto, diverso a seconda che abbiano la cittadinanza israeliana, siano residenti a Gerusalemme est, in Cisgiordania, oppure a Gaza. Una chiara situazione di segregazione di stampo etnico-religioso come denunciato dai recenti report di B'Tselem e Human Rights Watch. Il regime di apartheid in Sudafrica fu rovesciato e si giunse a una soluzione pacifica, grazie alle sanzioni della comunità internazionale. Con la stessa intransigenza si deve denunciare il regime di apartheid instaurato dallo Stato d’Israele e adoperare le opportune sanzioni se si vuole costruire una soluzione pacifica e duratura al conflitto. Il costituendo Comitato Popolare Sangiulianese di sostegno alla causa palestinese invita la cittadinanza a partecipare e a manifestare la propria solidarietà al popolo palestinese per sollecitare la fine dell'occupazione militare dei suoi Territori, il rispetto della legalità internazionale e la fine delle violenze dell'esercito israeliano, che solo negli 11 giorni di bombardamenti contro Gaza hanno causato la morte di oltre 250 palestinesi di cui circa 70 bambini. Legittime e doverose richieste, peraltro, in linea con i contenuti della mozione che nei prossimi giorni sarà discussa in Consiglio Comunale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presidio di solidarietà al popolo palestinese a San Giuliano Terme

PisaToday è in caricamento