Renzi a Pisa il 29 aprile: lanciati scioperi e contestazione

In occasione della visita del premier i sindacati vogliono dare un segnale ed annunciano agitazioni per il Cnr (Usb) e generale (Cobas). Attesa contestazione anche dai comitati di quartiere

La visita di Matteo Renzi a Pisa per l'Internet Day potrebbe non essere di solo piacere e celebrazione. Usb, Cobas e Comitato Sant'Ermete coglieranno l'arrivo del premier come un'occasione per sostenere le proprie cause. I sindacati hanno indetto uno sciopero per il 29 aprile.

"Renzi ed il ministro Giannini - scrive Cinzia Della Porta dell'Usb Pubblico Impiego Ricerca - visiteranno il centro Cnr di Pisa. Abbiamo deciso di dare un segnale forte, proclamando lo sciopero contro le politiche che questo Governo sta adottando sulla ricerca e sul principale ente di ricerca italiano con un presidio di accoglienza ai due esponenti dell'esecutivo".

Al centro della critica privatizzazioni e licenziamenti di precari. "La proposta di riforma degli enti pubblici di ricerca, presentata dal Ministro Giannini - spiega Della Porta - prevede l'invasione di baroni universitari negli enti di ricerca, l'azzeramento dei ricercatori attuali ed il blocco della qualificazione professionale dei tecnici. Una gestione tutta rivolta all'impresa e non, come per natura pubblica degli enti, verso la collettività nel suo complesso. Una proposta, quella della Giannini, di casta, fatta da un ministro professore universitario che promuove la propria categoria in enti che invece hanno un'organizzazione rivolta alla committenza sociale".

Agitazione annunciata anche dai Cobas. "Contro la privatizzazione della sanità, della istruzione, dei trasporti; il trasferimento delle aziende all'estero; riforme elettorali e costituzionali liberticide. Per una forte riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario; la riduzione dell'età pensionabile; l'abolizione di tutte le controriforme del lavoro, compreso il jobs act; dignità, diritti e salario nei contratti nazionali".

Oltre gli scioperi ci sarà anche contestazione. Il Comitato di Sant'Ermete, in presidio permanente da giorni per la questione delle case popolari unita alla protesta per il ritardo dei fondi per la riqualificazione, invita i quartieri a "sollevarsi e ribellarsi per cambiare questa sofferenza". Dopo le iniziative previste a San Giusto (14 aprile), Cisanello (20 aprile), Gagno (22 aprile) e Cep (27 aprile) è prevista la contestazione a Renzi il 29 aprile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 9 e 10 novembre

  • Via Caruso: incendio nella facoltà d'Ingegneria

  • Forti temporali in arrivo: allerta meteo arancione

  • Corso Italia: inaugurato il nuovo negozio Dan John

  • I consigli per pulire i termosifoni e farli funzionare meglio

  • Al Cep l'ultimo saluto alla giovane morta al rave party

Torna su
PisaToday è in caricamento