Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca Centro Storico / Piazza del Duomo

Bancarelle del Duomo, commercianti stufi: inizia lo sciopero della fame

Dopo lo sgombero dell'area di Piazza dei Miracoli, i bancarellai sono in attesa di un incontro con il sindaco per trovare una sistemazione alternativa a via Pietrasantina. Proteste anche per le regole dello spostamento

Una forma di protesta pacifica e non violenta è stata scelta da una ventina di ambulanti di Piazza Duomo per dare una scossa alla situazione di stallo che si è venuta a creare dopo lo sgombero da parte dei bancarellai iniziato lunedì. Ad annunciare lo sciopero della fame Confcommercio Pisa, Confesercenti Toscana Nord e la Commissione Duomo, al termine di una folta assemblea di tutti gli operatori di piazza Duomo. 

La decisione è conseguenza degli ultimi avvenimenti. La richiesta ufficiale delle associazioni di categoria rivolta direttamente al sindaco di Pisa, “per una convocazione immediata ed urgente di un tavolo tecnico, cui sia deputata la verifica di soluzioni alternative a via Pietrasantina”, non ha avuto per il momento nessun tipo di esito da parte del sindaco Marco Filippeschi. "Gli operatori del Duomo - si legge in una nota di Confcommercio - hanno espresso anche il rifiuto alla richiesta di liberatoria proposta loro dall'amministrazione comunale. La richiesta prevede che assemblea operatori bancarelle-2ciascun titolare sottoscriva i seguenti impegni: 'che il proprio manufatto sia rimosso e demolito da apposita ditta incaricata dall'Amministrazione Comunale; che il proprio manufatto sia rimosso e trasferito da apposita ditta incaricata dall'amministrazione comunale, intero o sezionato in più parti, ove necessario, in apposita area comunale in attesa del ritiro; che il manufatto, con le modalità di cui al punto precedente, sia collocato nel posteggio assegnatoli nel parcheggio di via Pietrasantina, consapevole che l'utilizzo per fini commerciali dello stesso dovrà essere garantito da certificazione tecnica di agibilità'".


Dall'assemblea è emerso che nessuno degli operatori ha intenzione di firmare questa liberatoria per lo sgombero delle bancarelle, ritenendo che “le bancarelle, come previsto dall'ordinanza comunale, volontariamente o coattivamente, in qualunque stato esse si trovino, debbano essere trasferite in via Pietrasantina”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bancarelle del Duomo, commercianti stufi: inizia lo sciopero della fame

PisaToday è in caricamento