Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Lavoro: in sciopero i dipendenti degli autolavaggi all'aeroporto

I lavoratori denunciano precarie condizioni di lavoro che hanno causato il ferimento di uno di loro domenica 22 maggio. Da allora sono in agitazione, anche contro il subentro di un'azienda con il contratto multiservizi

Una passata manifestazione dei lavoratori

Nuova denuncia da parte dei lavoratori della Gb, i dipendenti cioè dell'azienda che ha in gestione l'appalto per l'attività di lavaggio delle auto ai noleggi dell'aeroporto Galilei.

"Domenica 22 maggio - racconta la nota - si è verificato un episodio gravissimo sul posto di lavoro. Una nostra collega è finita al pronto soccorso a seguito di una caduta all'interno dell'area 'dry clean'. In particolare è inciampata su uno dei bulloni molto sporgenti dal pavimento, mettendo in luce che la nostra postazione di lavoro non è a norma". 

Si ripete così la denuncia: "Da mesi oramai siamo costretti a lavare il 100% delle auto a mano in una postazione in cui spesso il bagno rimane chiuso, dove i sacchi dell'immondizia vengono accatastati uno sopra l'altro a pochi metri da dove lavoriamo, con attrezzature non adeguate e a dei ritmi insostenibili a causa del poco personale. Non riusciamo a consegnare la totalità delle macchine che ci vengono chieste".

La risposta è stata la nuova agitazione: "Per questo è stato proclamato sciopero ad oltranza dalla giornata di domenica, immediatamente dopo l'infortunio della nostra collega. Ad oggi lo sciopero ha l'adesione totale dei lavoratori. Sciopero convocato perché non intendiamo lavorare un'estate intera in queste condizioni. Se è necessario un cambio appalto per far sì che la situazione cambi, che l'Avis autonoleggi faccia le sue mosse per garantire un futuro dignitoso dei lavoratori Gb. Non accetteremo infatti nemmeno che a Gb subentrino aziende o cooperative che applichino il contratto multiservizi. Questa forma contrattuale permettere di abbattere fortemente il costo del lavoro, chi ne fa le spese sono i lavoratori che si vedono togliere diritti, tutele e reddito. Già il contratto nazionale autorimesse-autonoleggi, col quale siamo assunti, offre ben poco a tutela dei lavoratori".

Al centro della contestazione c'è anche la "mancata certezza del rispetto dell'accordo di assunzione a tempo indeterminato di 5 di noi. Pretendiamo che i dirigenti della nostra azienda sottoscrivano l'accordo delle scorse settimane. Ad oggi comunichiamo che se non verranno poste soluzioni alle problematiche descritte ci organizzeremo adeguatamente e troveremo le opportune forme di lotta".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro: in sciopero i dipendenti degli autolavaggi all'aeroporto

PisaToday è in caricamento