Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca Pratale / Via Giovan Battista Pellizzi

Cantiere di via Pellizzi: il Comune sospende i lavori dopo la sentenza del Tar

Gli uffici devono eseguire una "apposita e specifica istruttoria". Il titolare dell'azienda edile: "Rispettiamo sentenze ed ordinanze. Se ci sono stati degli errori, faremo valere i nostri diritti"

Stop ai lavori per il 'giardino verticale' in costruzione in via Pellizzi. Lo dispone il provvedimento 1051 del 16 luglio 2021 della Direzione Urbanistica - Edilizia Privata del Comune di Pisa, che dà seguito così alle rilevazioni della recente sentenza del Tar che ha accolto le richieste dei ricorrenti del Comitato di via Battelli. Nel dettaglio il provvedimento degli uffici "dispone la sospensione in via cautelare dell'efficacia per il tempo strettamente necessario ad effettuare
'apposita e specifica istruttoria' come stabilito dalla sentenza Tar Toscana" del permesso a costruire 19 del 18 giugno 2021. Si tratta del titolo a costruire approvato dal Comune in variante al precedente permesso oggetto della sentenza (il 17/2020), nuovo titolo che ha ridotto le unità abitative da 20 a 14.

Ciò che devono valutare gli uffici comunali è sempre "l'incremento di carico urbanistico indotto dall'intervento", decidendo quindi se "eventualmente disporre atto confermativo del permesso di costruire". Nelle more di questa valutazione, il provvedimento dirigenziale disponde anche di "sospendere immediatamente tutti i lavori edilizi in corso di esecuzione sul terreno". Il fermo è previsto per "il tempo strettamente necessario" ad effettuare l'istruttoria e comunque "per un periodo massimo di 45 giorni".

Le lavorazioni attualmente in corso nell'area, anche oggi 19 luglio, sono quelle di "chiusura del cantiere" spiega il titolare dell'impresa Costruzioni Ferrante srl Francesco Ferrante. "Abbiamo preso in consegna stamani quanto disposto dal Comune e provvediamo a mettere in ordine in cantiere, anche la parte di scavo. Rispettiamo sentenze ed ordinanze". "Una volta finita l'istruttoria - prosegue l'imprenditore - vedremo cosa si può fare. Se posso, procedo, altrimenti no. Certamente è mia facoltà tutelare la società in tutte le sedi opportune".

Ferrante ripercorre l'investimento in via Pellizzi: "Ho acquistato il terreno con un permesso a costruire rilasciato ed ottenuto un nuovo permesso in variante. Sono fiducioso sulla regolarità degli atti della pubblica amministrazione, come potrei avere dei dubbi? Sicuramente mi duole - conclude l'imprenditore - per i danni ingenti che stiamo subendo. Se qualcuno ha sbagliato, è legittimo che io faccia valere i miei diritti e quelli della società; siamo per il rispetto della legge, non esistono altre questioni". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantiere di via Pellizzi: il Comune sospende i lavori dopo la sentenza del Tar

PisaToday è in caricamento