Sparatoria al Cep, la presidente del Ctp 2: "A disposizione delle vittime, ma come può essere successo?"

Benedetta Di Gaddo ringrazia le forze dell'ordine e torna a chiedere maggior controllo del territorio

Una sparatoria nel cuore del quartiere, in mezzo a numerosi e frequentati esercizi commerciali, come è potuta avvenire? E poi, come tutto questo può essere accaduto per mano di un soggetto ben noto alle forze dell’ordine, tanto da essere agli arresti domiciliari per aver compiuto atti del tutto analoghi ad Alghero giusto solo un anno fa? Sono i due interrogativi, le due circostanze della sparatoria di venerdì scorso, 9 febbraio, a gettare nello sconcerto la presidente del Consiglio di Partecipazione n.2 Benedetta di Gaddo che, a nome dello stesso ente che presiede, condanna i fatti avvenuti di fronte alla caffetteria Tirreno, quando Patrizio Giovanni Iacono ha sparato e ferito quattro residenti del quartiere, prima di fuggire ed essere poi ritrovato la sera dalle forze dell'ordine sempre nello stesso quartiere popolare teatro del drammatico episodio.

"Reazioni così violente, innescate peraltro da futili motivi, ovvero rimostranze per l’alta velocità tenuta in un’area centrale del quartiere, sono per noi tanto inconcepibili quanto ingiustificabili - commenta Di Gaddo - il nostro pensiero va alle vittime involontarie di questa follia, alle quali esprimiamo tutta la nostra più sincera vicinanza e delle quali, in qualità di prima istituzione sul territorio, quantomeno per prossimità, ci mettiamo a completa disposizione per qualunque cosa di cui avessero bisogno loro e le loro famiglie".

"Un sentito ringraziamento, infine, va alle forze dell’ordine: il loro tempestivo intervento ha, infatti, consentito di rintracciare, in meno di 24 ore, l’autore del reato per assicurarlo alla giustizia - prosegue la presidente - più volte il Ctp 2 ha chiesto, con forza, maggior presenza di agenti sui territori di propria competenza. Ci auguriamo quindi che, d’ora in poi, questi appelli non restino più inascoltati. La nostra fiducia è riposta proprio in quelle donne e in quegli uomini deputati a garantire la sicurezza di noi cittadini, uomini e donne che hanno dimostrato, come avvenuto venerdì scorso, di saper svolgere il proprio ruolo con grande serietà e professionalità".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: 17 nuovi casi, 2 a Pisa

  • Ragazza investita a Marina di Pisa: arrestato il pirata della strada

  • Muore a 28 anni in un incidente in moto in autostrada

  • In arrivo piogge e temporali in Toscana: emessa allerta meteo

  • Coronavirus in Toscana: sei nuovi casi, due a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, 10 nuovi casi: 3 in più nel pisano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento