menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stazione Marconi, lavori fermi: spunta l'amianto

La bonifica dell'area partita il 29 gennaio si è fermata dopo pochi giorni per la scoperta del materiale pericoloso, che ha richiesto interventi particolari. L'assessore Serfogli: "Si riparte lunedì, prosegue la valorizzazione"

Stop inatteso ai lavori di bonifica dell'area della Stazione Marconi, operazioni inaugurate il 29 gennaio scorso. La messa in sicurezza dello stabile si è dovuta interrompere ai primi di febbraio per la presenza di amianto all'interno della struttura, con quindi la necessità di particolari procedure per lo smaltimento del pericoloso materiale.

"Proprio all'interno dell'edificio - spiega l'assessore ai Lavori Pubblici Andrea Serfogli - sono state trovate delle lastre di amianto e quindi è stato necessario prevedere il Piano Operativo di Sicurezza, con il cantiere che si è dovuto fermare. Ai 47mila euro previsti si dovranno quindi aggiungere le spese per lo smaltimento, si dovrà vedere a quanto ammonteranno ma si va nell'ordine credo dei 15-20mila euro. In ogni caso è stato tutto predisposto, le operazioni di bonifica ripartiranno lunedì prossimo, mentre procedono gli incontri con Soprintendenza e Demanio per attuare la valorizzazione".

Ad aggiungersi al complesso della Stazione Marconi sarà anche un altro monumento: "Si tratta di un cippo commemorativo degli anni '70, realizzato dagli americani sia in italiano che in inglese alla memoria di Marconi a Coltano, che ora si trova a Camp Darby. Ho trovato il carteggio dove il Comune aveva accolto già la possibilità di averlo dallo Stato, conto di definire il ricollocamento del monumento in un incontro con il comandante italiano della base".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Indice di massa corporea, cos'è e come si calcola

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento