Cronaca

Tasse locali: San Giuliano Terme esempio da seguire

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Riduzione degli sprechi e delle inefficienze della spesa pubblica e conseguente abbattimento di tasse e imposte su imprese, commercianti e cittadini. Se da un lato ci sono comuni che hanno la sfrontatezza, in un quadro di perduranti difficoltà economiche, di continuare ad aumentare la tassazione, dall'altro esistono enti locali, come ad esempio il comune di San Giuliano Terme, che ha deciso di invertire la rotta.

"E' stata una lieta sorpresa vedere che San Giuliano ha deciso di ridurre l'aliquota Imu del 10% per i proprietari di immobili commerciali che vi svolgono la propria attività. Un segnale importante, di concreta attenzione verso il commercio locale - riconosce Federica Grassini, presidente di ConfcommercioPisa - un esempio che dovrebbero risolutamente seguire tutti gli altri comuni della provincia di Pisa".

"Più in generale - prosegue la numero uno di ConfcommercioPisa - apprezziamo la consapevolezza espressa dalla Giunta della necessità non solo di non aumentarle, ma al contrario di dover ridurre sensibilmente le tasse su imprese e cittadini, attraverso una riorganizzazione degli uffici e una razionalizzazione delle spese".

"Purtroppo, questa elementare consapevolezza di abbssare le tasse, fondamentale per la sopravvivenza del tessuto commerciale - conclude Federica Grassini - non è assolutamente compresa da tutti gli amministratori locali, che davanti ad ogni mancato trasferimento dello Stato, ricorrono immediatamente all'aumento fiscale. Pisa, con la sua ultima manovra di bilancio ne è un esempio. Stangata Irpef e ancora più soldi investiti nella macchina amministrativa per stringere d'assedio i contribuenti. E ci domandiamo, a quando una autentica riduzione di sprechi e inefficenze?".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tasse locali: San Giuliano Terme esempio da seguire

PisaToday è in caricamento