Cronaca

Pedofilia: la tredicenne all'incidente probatorio

Quattro ore sotto esame, la tredicenne della provincia che aveva denunciato in un tema gli abusi subiti dallo zio della madre, ha risposto alle domande senza difficoltà. Ma la difesa insiste: "La ragazzina non è attendibile"

Ha sostenuto con disinvoltura le domande per oltre quattro ore la ragazzina di 13 anni che nei mesi scorsi aveva denunciato in un tema scolastico di avere subito gli abusi da parte del fratello del nonno materno, facendo scattare un'indagine della procura di Pisa che aveva portato all'arresto del presunto violentatore.

L'esame, svoltosi alla presenza di uno psicologo nominato dal Gip, che ora affiancherà il lavoro del consulente del pubblico ministero, ha però lasciate inalterate le posizioni di partenza. "A nostro avviso - ha spiegato l'avvocato Andrea Di Giuliomaria, difensore dell'indagato - l'incidente probatorio ha confermato l'inattendibilità della ragazzina, anche se non posso ovviamente rivelare il contenuto degli interrogatori. Ma certo si trattava di un passaggio tecnico importante per chiarire alcuni aspetti che, invece, a nostro giudizio, non sono stati affatto chiariti".


Il legale attenderà ora le trascrizioni dell'esame che saranno pronte entro una settimana e poi promuoverà un'istanza di revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari. (fonte Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedofilia: la tredicenne all'incidente probatorio

PisaToday è in caricamento