Volterra, gara di solidarietà per aiutare il micio Tempesta

Il gatto, aggredito da un cane, ha subito un delicato intervento per salvare almeno una delle zampe posteriori. Per coprire i costi dell'operazione e della degenza è stata attivata una campagna di crowdfunding su Produzioni dal Basso

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Gara di solidarietà per Tempesta, micio di quattro anni di Volterra che qualche mese fa è stato gravemente aggredito da un cane, compromettendo l'utilizzo delle zampe posteriori. Dopo un primo momento, in cui si pensava che il gatto non ce l'avrebbe fatta, il dottor Massimo Petazzoni - medico veterinario specializzato in ortopedia - ha accettato di operare Tempesta: il trapianto d'osso ha funzionato e il micio potrà continuare a vivere felicemente su tre zampe. L'intervento, tuttavia, è stato particolarmente delicato e ha comportato costi non indifferenti. Per questo, con l'aiuto dell'amico Vituzzo, micio randagio adottato da due ragazze milanesi e mascotte di tutti i gatti "diversamente abili", è stata indetta una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma di crowdfunding e social innovation Produzioni dal Basso. La campagna, che ha un obiettivo complessivo di 3.000 euro, servirà ad aiutare la famiglia di Tempesta a far fronte ai costi per l'operazione e, soprattutto, per la degenza del micio presso la clinica veterinaria del dottor Petazzoni. Una storia che tocca il cuore, per aprire il nuovo anno all'insegna della solidarietà. Per contribuire alla campagna di crowdfunding su Produzioni dal Basso: https://www.produzionidalbasso.com/project/forza-tempesta/

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento