menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una passata protesta (foto archivio)

Una passata protesta (foto archivio)

Mobilitazione ex lavoratori Avr, mozione in Consiglio: "Grave il silenzio del Comune di Pisa"

Diritti in Comune promuove l'atto per far prendere posizione l'ente di Palazzo Gambacorti

Dura da più di dieci giorni la protesta dai parte degli ex-lavoratori Avr, passati dal primo gennaio di quest'anno a Geofor, contro il comportamento dell'azienda multiservizi che dovrebbe secondo le ultime stime del sindacato circa 700mila euro ai precedenti dipendenti. "Siamo di fronte ad una situazione che è fuori da ogni legalità - commenta Diritti in Comune - a gennaio nonostante il passaggio dei dipendenti da Avr a Geofor, Avr continua a inviare ai suoi ex-dipendenti buste paghe a zero euro, facendo anche recapitare lettere in cui contesta la loro assenza ingiustificata da lavoro. Sarebbe comico se non fosse tragico. Ma se non ci stupisce la condotta di Avr visto come in tutti questi anni ha trattato i suoi dipendenti, non è accettabile che i Comuni, a partire da quello di Pisa, in tutti questi giorni stiano in silenzio e si girino dall’altra parte senza fare nulla".

Quindi la promessa: "Porteremo la questione urgentemente in commissione e in consiglio comunale dove abbiamo depositato una mozione con cui chiediamo che il Comune, anche in quanto socio di Geofor, intraprenda tutte le iniziative necessarie affinchè ai lavoratori sia dato tutto il dovuto rapidamente. Al contempo porteremo anche noi all’attenzione del Prefetto e delle autorità competenti questo comportamento di Avr. Non è pensabile soprattutto in una fase in pandemia che una società che ha già incassato i soldi degli appalti, non restituisca ai lavoratori trf, cessione del quinto, etc. Come diciamo da tempo è ora di dire basta con Avr e per questo rilanciamo anche tutte le criticità inerenti le gare fatte da Pisamo in questi mesi i in cui la stessa azienda potrebbe essere nuovamente vincitrice di alcuni appalti, mentre continua a trattare i propri lavoratori, che da mesi son in mobilitazione con il blocco degli straordinari e delle reperibilità, come manodopera da spremere e pagare male".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Caparezza, due tappe in Toscana nel tour 2022: tutte le date

Cura della persona

Manicure semipermanente fai da te, trucchi e consigli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento