rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Politica

Pressioni sui revisori dei conti: i senatori grillini portano la questione in Parlamento

Attraverso un'interrogazione rivolta al ministro dell'Economia e a quello dell'Interno, alcuni senatori del Movimento Cinque Stelle chiedono se l'intervento della Prefettura per l'ok al bilancio, denunciato dagli stessi revisori, sia legittimo

Arriva anche in Parlamento la vicenda dei revisori dei conti di Pisa che, lo scorso dicembre, avevano denunciato di aver ricevuto pressioni dalla Prefettura per favorire il parere positivo sul bilancio del Comune. Sono stati infatti alcuni senatori del Movimento Cinque Stelle a presentare un'interrogazione parlamentare ai ministri dell'Interno e dell'Economia.

"In data 23 dicembre 2015, il presidente del collegio avrebbe precisato, nel corso di un'audizione davanti alla IV Commissione consiliare permanente del Consiglio Comunale di Pisa di aver 'ricevuto contatti e sollecitazioni dal Segretario Generale il 30 di novembre e soprattutto dal prefetto, dalla Prefettura, nella persona del capo di gabinetto perché il sindaco si era rivolto a lui per fargli presente che il Collegio non avrebbe rilasciato il parere'" si legge nel testo della interrogazione.

"I contatti della Prefettura sono avvenuti prima della scadenza dei termini per l'espressione del parere da parte del collegio - si legge ancora nel testo - in presenza del conflitto istituzionale coinvolgente la Prefettura, il collegio dei revisori, in data 15 dicembre, ha espresso parere favorevole di 'massima' su una delibera cruciale ai fini del processo di riordino delle partecipazioni societarie afferenti alla gestione del servizio integrato dei rifiuti urbani".

I senatori ritengono l’intervento “della Prefettura una pressione indebita sul collegio dei sindaci revisori” e chiedono di sapere “se i ministri dell’Interno e dell’Economia siano a conoscenza dei fatti, se l’intervento della Prefettura, su richiesta dell’amministrazione comunale, sia legittimo e conforme alle disposizioni normative vigenti e quali iniziative intendano assumere, anche attraverso l’attività ispettiva e di controllo dei propri rappresentanti sul territorio, per valutare le circostanze descritte e le conseguenze dell’intervento informale della Prefettura sull’organo di revisione comunale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pressioni sui revisori dei conti: i senatori grillini portano la questione in Parlamento

PisaToday è in caricamento