I segreti delle castagne, il 'pane dei poveri'

Scopriamo insieme benefici e proprietà di questo frutto autunnale per eccellenza

Un tempo le castagne venivano chiamate 'il pane dei poveri' perché rappresentavano un’importante fonte di approvvigionamento alimentare per chi non aveva grandi disponibilità economiche. Dalla loro polpa si ricavava la farina di castagne che veniva utilizzata in cucina in numerose ricette. Oggi questa farina è molto meno diffusa ma, in compenso, si è ampliato il consumo delle castagne che vengono cucinate in diverso modo e consumate sia come antipasto che come dolce. 

Oltre ad essere tenera e molto gustosa, la loro polpa ha straordinarie proprietà energetiche e nutritive. E’ ricca di carboidrati complessi, fibre, proteine, sali minerali, non contiene colesterolo ed è una buona fonte di vitamina B. Per questi motivi le castagne sono un ottimo alleato della salute e non dovrebbero mai mancare sulle nostre tavole nella stagione autunnale. Ma quali sono i benefici di questo frutto prodigioso?

Perché mangiare le castagne?

Sono importanti in gravidanza. Nella polpa della castagna si trova l'acido folico, una sostanza che aiuta a prevenire alcune malformazioni del feto, motivo per il quale questo frutto autunnale può essere raccomandato nella dieta delle donne in gravidanza.

Contrastano il colesterolo. Non contenendo naturalmente colesterolo, le castagne possono essere consumate anche in caso di ipercolesterolemia. I grassi vegetali insaturi, soprattutto acido oleico e linoleico, di cui sono ricche, insieme alle fibre, aiutano a ripulire il sangue dall'eccesso di colesterolo. Sono, quindi, importanti per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Possono sostituire i cereali. Essendo ricche di carboidrati complessi, possono essere una valida alternativa in caso di intolleranza ai cerali in quanto coprono completamente la parte glucidica del pasto.

Aiutano la memoria. Le castagne sono ricche di fosforo, un alleato naturale per il corretto funzionamento del sistema nervoso e della memoria.

Sono una grande fonte di energia. Dopo una corsa o un'ora di palestra, qualche castagna aiuta a ripristinare il corretto equilibrio minerale dell’organismo. Apportano alanina, arginina, acido aspartico e glutammico, amminoacidi, elementi essenziali per il benessere di tutti i tessuti, dalla pelle ai muscoli, alle fibre nervose.

Aiutano il transito intestinale. Il buon apporto di fibre le rende adatte contro la stitichezza, in quanto aiutano a regolarizzare l'intestino. Tuttavia, è meglio evitare di mangiarle crude, perchè possono risultare irritanti.

Sono un toccasana per le vie respiratorie. I principi attivi contenuti nelle foglie e nella corteccia sono un toccasana per combattere la tosse e disinfettare le vie respiratorie. Per sfruttare tutte le proprietà benefiche è sufficiente preparare un infuso da riutilizzare anche come tonico astringente della pelle.

Le castagne fanno bene a tutti?

Sono controindicate a chi soffre di diabeteobesità e colite per il loro alto contenuto di zuccheri semplici. Il loro apporto calorico varia a seconda della modalità di cottura: le crude apportano circa 200 calorie per 100gr. (si ricorda che se consumate crude, le castagne potrebbero causare problemi intestinali come cattiva digestione o gastrite), le bollite ( la tipologia di cottura migliore) forniscono 130 calorie per 100gr., le caldarroste apportano 245 calorie per 100gr, le secche apportano 370 calorie per 100gr.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento