Giovedì, 24 Giugno 2021
Sport

Pisa-Carpi 0-0 | Un pareggio che allunga la striscia positiva dei nerazzurri

Un tempo per uno, con gli emiliani più pericolosi nella prima frazione, ed i nerazzurri più intraprendenti nel secondo tempo. Sciopero del tifo in Curva Nord nei primi quarantacinque minuti

Il Pisa impatta 0 a 0 contro il Carpi nel turno infrasettimanale disputato all’Arena Garibaldi, valido per la 28ª giornata. Il Carpi si è fatto preferire nella prima frazione, grazie alla profondità ed al grande movimento garantito da Lasagna e Mbakogu. Capitan Mannini, schierato sulla fascia sinistra, ha sofferto l’aggressività di Poli e Jelenic. I nerazzurri hanno interpretato meglio la seconda frazione, senza però riuscire a centrare lo specchio della porta emiliana nelle due buone occasioni capitate sui piedi di Verna e Angiulli.

Il pareggio allunga la striscia positiva degli uomini di Gattuso a sette: Pisa ancora imbattuto nel 2017. Il Carpi invece arresta l’emorragia di risultati con il quinto punto nel nuovo anno.
Nei primi quarantacinque minuti è mancato il supporto dei gruppi organizzati della Curva Nord, che si sono recati presso la Questura per accompagnare gli otto sostenitori colpiti dal daspo, che hanno dovuto apporre le tre firme obbligatorie durante i novanta minuti della gara.

PRIMO TEMPO. Il Carpi inizia meglio dei nerazzurri, che sembrano contratti ed intimoriti dalla partenza decisa degli emiliani. La squadra di Castori guadagna subito la metà campo nerazzurra, sfruttando la profondità garantita dai movimenti di Mbakogu e Lasagna. In difficoltà Mannini sulla fascia sinistra, sistematicamente preso in mezzo dalle sovrapposizioni di Jelenic e Poli.
Per vedere il primo tiro in porta bisogna però attendere diciotto minuti: la palla arriva a Lasagna, posizionato al limite dell’area piccola, spostato sulla sinistra, che gira di sinistro senza però riuscire ad imprimere la giusta forza alla conclusione. Ujkani controlla senza alcun problema.
Al 21’ Milanovic sbaglia la chiusura di testa sul rinvio di Belec, servendo di fatto Mbakogu sulla corsa. Il numero 10 ospite arriva sul fondo, e serve l’accorrente Lasagna, che da due passi dalla porta nerazzurra non trova l’impatto con la sfera. Passano altri sei minuti, ed il Carpi si ripresenta davanti a Ujkani: ancora un lancio lungo che sprigiona lo scatto di Lasagna, il quale brucia Del Fabro e dopo essere entrato in area esplode il sinistro sul primo palo, ma Ujkani devia in corner.
Il Pisa riacquista campo soltanto nei minuti finali, sfruttando le combinazioni sulla corsia mancina fra Mannini, Gatto e Angiulli. Proprio al 45’, da una combinazione fra questi tre elementi, la palla giunge sul destro di Golubovic: il terzino destro, nell’occasione in posizione centrale, controlla il pallone e dai 35 metri lascia partire un tracciante che sibila di poco sopra la traversa.

SECONDO TEMPO. Il Pisa rientra in campo con un piglio più deciso e prova a spingere sin dai primi minuti, avanzando il raggio d’azione di Mannini e Golubovic. Ma la prima occasione è ancora per gli ospiti. Jelenic e Mbakogu combinano bene sulla fascia destra, il centravanti nigeriano si smarca nell’area nerazzurra, ma è troppo lento a controllare il pallone e la sua conclusione è deviata in corner dalla chiusura di Del Fabro.
Il Pisa mantiene di più il controllo della palla ed il Carpi ne approfitta per accentuare la sua predisposizione alle ripartenze dopo aver recuperato il pallone. Al 62’, da una di queste, la palla arriva a Lasagna al limite dell’area, che prova a piazzare di destro nell’angolo basso alla sinistra di Ujkani: il portiere kosovaro però blocca in due tempi.
L’ingresso di Peralta vivacizza ulteriormente la manovra nerazzurra ed al 71’ la squadra di Gattuso si esibisce nella sua migliore azione. Una serie di triangolazioni in mezzo al campo porta allo scarico su Mannini, posizionato sul fondo della fascia sinistra. Il suo cross è teso ed invitante, ma Masucci e Manaj vengono anticipati da Belec.
Negli ultimi dieci minuti, con l’ingresso di Cani, il Pisa prova a sfruttare maggiormente le palle alte, e da due di queste nascono due occasioni in fotocopia. All’80’ l’albanese fa una sponda aerea per l’accorrente Angiulli: il centrocampista calcia di prima intenzione dai 15 metri, ma alza sopra la traversa. Al 90’ si ripete lo schema, con Milanovic che serve Verna: anche stavolta il mediano calcia alto.
L’ultimissima azione, al 92’, è per gli ospiti, che tentano la doppia conclusione in mischia nell’area di rigore nerazzurra. Né Beretta, né Mbakogu trovano lo specchio.

IL TABELLINO

Pisa – Carpi 0-0

Pisa (4-3-3): Ujkani; Mannini, Milanovic, Del Fabro, Golubovic; Verna, Lazzari (84’ Longhi), Angiulli; Gatto (62’ Peralta), Manaj (74’ Cani), Masucci. All. Gattuso.
Carpi (4-4-2): Belec; Letizia, Struna, Romagnoli (80’ Lasicki), Poli; Fedato (74’ Mbaye), Lollo, Bianco, Jelenic; Mbakogu, Lasagna (88’ Beretta). All. Castori.

Ammoniti: Mbakogu
Note: Recupero 1’ e 4’, angoli 4-5 (1-4)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa-Carpi 0-0 | Un pareggio che allunga la striscia positiva dei nerazzurri

PisaToday è in caricamento