Martedì, 22 Giugno 2021
Sport

Pisa - Santarcangelo 1-0 | Minimo sforzo, massimo guadagno: vittoria e -2 dall'Ascoli

In una partita dai ritmi lenti e con pochissime emozioni il Pisa batte un Santarcangelo che conferma un rullino di marcia pessimo in trasferta. Buon debutto con la maglia nerazzurra di Arrighini, lascia dei dubbi l'esperimento del 4-2-4. Sciopero del tifo della Curva Nord

L'importante era vincere per accorciare sull'Ascoli, sconfitto a L'Aquila. Così è stato, ma i dubbi sulla ennesima prova opaca dei nerazzurri non possono far dormire sonni tranquilli a società e tifosi. Il nuovo cambio tattico ha visto il buon esordio di Arrighini, che subito si è fatto trovare pronto e disponibile, rappresentando per il primo tempo il più propositivo dei nerazzurri. Gli manca il ritmo partita, ma appare evidente che sarà fondamentale per il prosieguo della stagione. Il Santarcangelo ha mostrato tutti i suoi limiti in trasferta, senza mai apparire capace di far male al Pisa, eppure la squadra di casa non ha mai spinto come ci si aspettava con tutta la qualità messa in campo. Peggio nel secondo tempo, dove la preoccupazione di subire il pareggio ha completamente bloccato la manovra della squadra che dal 10' minuto non ha più trovato nessuna occasione per chiudere la partita. 

Il Pisa si schiera con l'atteso 4-4-2 offensivo, con Morrone-Misuraca in mezzo al campo, Floriano-Frediani ai lati e Arma-Arrighini di punta. Un potenziale 4-2-4, che in fase difensiva vede le due ali stringere molto per aiutare la difesa. Il Santarcangelo si oppone con il suo solito 4-3-1-2, con il nuovo Taugourdeau davanti la difesa e Pedrabissi a sostegno della coppia Graziani-Guidone.

PRIMO TEMPO. Parte bene il Pisa, con Arrighini subito molto attivo a fungere da cerniera fra centrocampo ed attacco. Dopo alcuni spunti è Misuraca a provare la conclusione al 7': Costa dalla sinistra serve rasoterra il mediano nerazzurro sul vertice sinistro dell'area, stop e interno destro a giro sul secondo palo, di poco a lato. Risponde il Santarcangelo con Guidone, che dopo una respinta della difesa da un cross dalla destra prova da fuori, deviazione della difesa in angolo.  Al 18' un'accelerazione di Arrighini crea la palla gol più importante della prima frazione: il numero 10 va via al suo marcatore sulla destra e scodella in mezzo un pallone invitante per Arma; Nardi esce a vuoto, ma il centravanti di testa incredibilmente spedisce a lato.

Il Santarcangelo si abbassa molto in fase difensiva ed ostruisce le fasce, rendendo difficile l'uno contro uno per Frediani e Floriano, che infatti si vedono meno di quanto Braglia vorrebbe. Per il Pisa manca un filtro efficace in mezzo al campo, e gli ospiti con Guidone cercano lo spunto per colpire trovando spazi in ripartenze. Il Pisa ha il pallino del gioco, ma fatica in fase di impostazione e non ci sono occasioni. Al 35' Pedrabissi ruba il pallone a Paci sulla 3/4 e dopo un rimpallo trova Taugourdeau dal limite, centrale per Pelagotti. Sull'azione successiva Floriano da sinistra rientra e prova da fuori, deviazione in angolo. Ancora lui al 44' prova al volo di sinistro al termine di un contropiede portato da Frediani, che lo trova con un cambio di gioco; pallone colpito male che si spegne a fondo campo.

SECONDO TEMPO. Prima azione della ripresa, gol del Pisa. Dalla sinistra traversone di Costa e spiove sul secondo palo dove è appostato il liberissimo Frediani, piattone al volo che colpisce la gamba di Rossi in ritardo, palla sul primo palo e portiere in tuffo sul secondo, 1 a 0. Il Santarcangelo abbozza una reazione, ma sono di nuovo i nerazzurri ad andare vicinissimi alla marcatura. Al 10' Finocchio lascia partire una botta da fuori area, respinge Nardi, poi Costa crossa per Arma che svetta dall'area piccola, palla sulla parte alla della traversa.

Sembra in tasca la partita per il Pisa, ma a questo punto cala l'intensità dei nerazzurri, peraltro mai stata elevata durante la partita se non per brevissimi tratti, ed esce il Santarcangelo. Gli ospiti però hanno evidenti problemi di idee e non creano nessuna chiara occasione da gol, affidandosi a qualche tiro dalla bandierina e calci da fuori, tentativi respinti dalla difesa. I nerazzurri però non ripartono, sbagliano molti appoggi e Braglia passa ad un più equilibrato 4-3-3 al 30'. La partita scorre lenta fino al 90' e dopo gli ultimi minuti di assedio scomposto del Santarcangelo il Pisa conquista i 3 punti.

LA PROTESTA DEI TIFOSI. Capitolo a parte merita lo sciopero del tifo operato dalla Curva Nord per i fatti riguardanti il Supporter's Trust. Ad inizio partita gli ultrà hanno lasciato vuoti i proprio posti, senza fare cori, mostrando lo striscione "Questo è quello che volete", per poi riempire di nuovo gli spalti dopo la metà del primo tempo con l'altro messaggio: "Questo è quello che siamo". Il riferimento è chiaramente alla sospensione di operatività del provvedimento Supporter's Trust ed ai nuovi requisiti imposti dall'Osservatorio Nazionale Manifestazioni Sportive, come la necessità di espellere dal comitato richiedente i daspati, che comunque non potrebbero in ogni caso entrare allo stadio. Misure definite più volte dai tifosi come senza senso e incostituzionali.

TABELLINO

Formazione Pisa (4-4-2): Pelagotti, Dicuonzo, Lisuzzo, Paci, Costa (Sini 40' st), Morrone, Misuraca, Frediani, Floriano (Finocchio 1' st), Arma, Arrighini (Mandorlini 30' st). A disp: Moschin, Sini, Mandorlini, Rozzio, Finocchio, Ricciardi, Beretta. All: Braglia.

Formazione Santarcangelo (4-3-1-2): Nardi, Traore, Rossi, Taugourdeau, Cola, Olivi, Ballardini (Deresponis 33' st), Bisoli, Guidone, Pedrabissi (Radoi 14' st), Graziani (Argeri 24' st). A disp: Marini, Polenghi, Obeng, Torelli, Argeri, Radoi, De Respinis. All: Cuttone.

Marcatori: Frediani (2' st)

Angoli: 2 - 6

Ammoniti: Taugourdeau (19' pt), Lisuzzo (45' pt), Arma (16' st), Misuraca (23' st)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa - Santarcangelo 1-0 | Minimo sforzo, massimo guadagno: vittoria e -2 dall'Ascoli

PisaToday è in caricamento