Giro d'Italia in moto per sfidare il Parkinson: nuova avventura per Sandro Paffi

E' partito la mattina di giovedì il motociclista pisano, per un tour in 18 regioni volto a sensibilizzare contro la malattia

Foto dalla pagina Facebook 'Sandro sfida il Parkinson'

Da Pisa in giro per l'Italia a bordo di una Honda XL 650 V Transalp, la sua moto da almeno vent'anni. Dopo il primo viaggio-simbolo dell’anno scorso in Transilvania, è cominciata oggi la nuova sfida al Parkinson di Sandro Paffi, 58enne pisano, dal 2014 alle prese con la malattia che combatte anche praticando arti marziali. Stamani 2 luglio, alle 5 del mattino, è salito nuovamente in sella diretto a Salerno, prima tappa del suo nuovo viaggio, organizzato dall’Associazione Pisa Parkinson, grazie anche al sostegno della Società della Salute della Zona Pisana.

"Inizialmente avevamo programmato di andare in Turchia - racconta Paffi - ma poi c’è stato il Covid-19 e abbiamo deciso di organizzare un viaggio nel nostro Paese, che ha anche lo scopo di valorizzare e riscoprire mete forse meno turistiche, ma che sono una parte importante della nostra cultura, attraverso il progetto 'I love Italy', pensato dall’Associazione Mototurismo. Ringrazio tutti i soggetti che mi hanno supportato. Anche se il Parkinson ci viene dietro, noi lo stendiamo!".

Il viaggio toccherà 18 regioni della Penisola: Paffi si dirigerà inizialmente verso Sud lungo la costa tirrenica, spingendosi fino a Scalea, per poi raggiungere l’Adriatico e risalire lo Stivale fino al Lago d’Iseo. Ad accompagnarlo c’è un caro amico, anche lui in moto. Durante le soste saranno organizzati alcuni webinair, durante i quali Sandro discuterà con illustri relatori argomenti inerenti alla convivenza con la malattia. Il primo si svolgerà il 5 luglio alle 11 presso l’Isbem di Miseglie.

"La Sds è orgogliosa di poter dare un piccolo contributo a Sadro Paffi - ha commentato la presidente Gianna Gambaccini - affinchè una persona così coraggiosa possa portare nel suo viaggio e un po' anche nel suo cuore, tutto il nostro sostegno e il nostro affetto". La piattaforma MyMedBook.it consentirà a Sandro di poter contare su tutti i suoi dati sanitari che, in caso di emergenza, saranno consultabili con un semplice smartphone dagli operatori sanitari locali, grazie ai dispositivi MyMedTAG. Essi potranno mettersi in contatto con il medico di base, con il team della Scuola di Specializzazione in Neurologia dell’Università di Pisa, e con il team di specialisti dell’Istituto Scientifico ISBEM. Sarà possibile leggere i resoconti giornalieri collegandosi sulla pagina Facebook 'Sandro sfida il Parkinson' o sul blog di Mototurismo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Toscana zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 16 gennaio

  • Coronavirus in Toscana: 379 nuovi casi positivi

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Pisa S.C., vicina la svolta: il magnate russo Knaster vuole acquistare il club

Torna su
PisaToday è in caricamento