Cronaca

Disperso in mare: ancora ricerche ad una settimana dal dramma

Lo scorso sabato la tragedia di Matteo Maestri: il giovane di Castelfranco di Sotto sugli scogli del Romito era stato investito da un'onda. E' finito in mare, ma a sette giorni di distanza il corpo non è ancora stato ritrovato

E' passata una settimana da quando il trentenne di Castelfranco di Sotto Matteo Maestri è stato trascinato in mare da un'onda. Sabato scorso, 27 agosto, il giovane si trovava infatti sulle scogliere del Romito, nei pressi di Calafuria, nel comune di Livorno, insieme ad alcuni amici. Il mare era mosso e il gruppo si era avvicinato proprio per osservare da vicino la sua forza, poi il dramma: un'onda, più grande delle altre, ha investito Matteo, portandolo in acqua.
In pochi minuti il giovane era già lontano, forse già privo di conoscenza, perchè magari la violenza del mare lo aveva sbattuto sugli scogli, o forse ben consapevole di ciò che stava per succedere e dunque in lotta con i flutti.


Ma comunque, passata una settimana, il corpo ancora non è stato restituito alla famiglia. Nei giorni scorsi anche alcuni falsi allarmi, prima un costume ritrovato,  che poi è stato negato appartenesse al ragazzo, e poi la notizia (poi infondata) che Matteo era stato ritrovato. Ma era solo una voce, il trentenne è ancora in mare, Le ricerche proseguono, i sommozzatori e le imbarcazioni di Vigili del Fuoco e Guardia Costiera continuano a scandagliare la costa,  ma Matteo, trascinato dalle correnti, potrebbe essere anche molto lontano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disperso in mare: ancora ricerche ad una settimana dal dramma

PisaToday è in caricamento