Cronaca

Occorre un progetto di tram e tram-treno per i 500.000 abitanti dell'area vasta costiera

Le proposte de La Città ecologica per un mobilità su ferro urbana e nell'Area Vasta.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Nelle ultime settimane vi è stato un salto di qualità nelle proposte per una mobilità ferro-tranviaria nell'area pisano-livornese. Il Piano della mobilità sostenibile del Comune di Livorno prevede/propone un percorso tranviario che, a partire da una linea urbana, la colleghi a Pisa correndo parallela alla linea ferroviaria. Il Comune di Pisa propone di estenderne il percorso fino a Pisa San Rossore (in prospettiva a Lucca), e ipotizza una nuova linee ferroviaria veloce con Firenze passando da Ospedaletto, con conseguente possibile uso tranviario dell’attuale linea fino a Pontedera. Intanto il progetto per la linea dalla Stazione Centrale all'Ospedale di Cisanello è al vaglio del Ministero dei Trasporti per il finanziamento e già si ipotizza la realizzazione di una sua derivazione verso l’area di San Cataldo. Sono tutti passi avanti nella direzione giusta, la direzione che gli ambientalisti pisani propongono, finora inascoltati, da vent’anni: il tram-treno urbano e d’area vasta come unico mezzo di trasporto in grado di portare alla necessaria drastica riduzione del traffico veicolare privato.

Sono progetti che permetterebbero all'area costiera di recuperare il ritardo rispetto all'area fiorentina dove il successo delle linee tranviarie già costruite è sotto gli occhi di tutti, con benefici per ambiente, cittadini e imprese. La Città ecologica ritiene necessario che tutte le linee di area vasta ipotizzate (per Livorno, per Lucca, per Pontedera, aggiungiamo noi per Viareggio e Collesalvetti) siano con cadenze e distanze tra le fermate di tipo tranviario e quindi con tecnologia di tram-treno. La Città ecologica ritiene sbagliato che a Pisa il tram non passi dal centro, l’area maggiormente attrattiva per la mobilità urbana. È necessario introdurre una nuova derivazione della linea per l’Ospedale che passando dai Lungarni arrivi a Piazza Duomo ed al Parcheggio di Via Pietrasantina. Come è necessario proporre e progettare la linea per il Litorale.

La Città ecologica ritene che, a questo punto, sia opportuno che il Comune di Pisa si faccia promotore, formalmente, di una iniziativa verso i comuni dell'Area Vasta (Livorno, Pontedera/Cascina, Lucca, Viareggio, Collesalvetti), per chiarire in primo luogo chi è interessato a richiedere le risorse che potrebbero arrivare per trasferire traffico dall'auto al ferro. Realizzata una Associazione tra i Comuni che ci stanno, le amministrazioni dovrebbero conferire un incarico di progettazione per un piano di realizzazioni ferro-tranviarie di Area Vasta e al tempo stesso definire la successione dei lotti. Solo la definizione di un quadro complessivo di ampio respiro che individui obbiettivi di significativa riduzione del traffico automobilistico a 20/30 anni può dare consistenza e spessore alle progettazioni delle singole amministrazioni e sicuramente ne rende più facile la approvazione a livello ministeriale.

Contestualmente l’Associazione dei Comuni promotori dovrebbe aprire un confronto con RFI che gestisce la rete ferroviaria italiana per i problemi relativi al tram-treno, modalità di trasporto che vanta numerose esperienza in Europa ma è relativamente nuova in Italia. Dopo gli opportuni incontri e intese con i Comuni limitrofi, si può arrivare a bandire e aggiudicare un incarico di progettazione per tutta l'Area, in 9/12 mesi e si può avere il Piano complessivo da sottoporre all'attenzione dei cittadini in altri 12/15 mesi. A quel punto si può aprire la discussione con tutti i soggetti economici, sindacali, politici, associativi per arrivare poi alla approvazione definitiva e all'invio al Ministero dei progetti per uno o due lotti. E' un percorso di medio termine e non semplice ma i benefici per l'ambiente, i cittadini e le imprese ricompenseranno abbondantemente il lavoro svolto.

Associazione ambientalista La Città Ecologica APS

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occorre un progetto di tram e tram-treno per i 500.000 abitanti dell'area vasta costiera

PisaToday è in caricamento