Fusione dei Comuni: visita del presidente Rossi in provincia di Pisa

Dopo il referendum consultivo, con il quale i cittadini hanno scelto per la fusione tra Lari e Casciana Terme e tra Crespina e Lorenzana, si sono insediati nei due nuovi Comuni i commissari scelti dal prefetto che guideranno l'amministrazione fino alle elezioni

Visita nei Comuni della provincia di Pisa che hanno optato per la fusione, dopo il referendum del mese di ottobre, domani da parte del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, accompagnato dall'assessore alla presidenza e ai rapporti con gli enti locali Vittorio Bugli.

La prima tappa sarà alle 11.30 a Lari Casciana Terme, dove Rossi e Bugli incontreranno nel vecchio palazzo comunale di Lari in Piazza Vittorio Emanuele II i due ex sindaci insieme al commissario prefettizio Valerio Massimo Romeo che guiderà il nuovo Comune fino alle elezioni. Alle 13 sarà poi la volta di Crespina Lorenzana, per un incontro nella sala consiliare in Piazza Battisti anche in questo caso con il commissario Flavio Ferdani e i due ex primi cittadini.

"I due nuovi Comuni, circa 6500 abitanti e 45 chilometri quadrati Crespina Lorenzana e oltre 21mila residenti per 126 chilometri quadrati Lari Casciana Terme, avranno con la fusione diversi vantaggi - si legge in una nota della Regione - maggiori contributi e soprattutto la possibilità di sforare per tre anni il patto di stabilità. Nel tempo, grazie a migliori economie di scale, potranno inoltre garantire gli stessi servizi o magari di migliori con meno risorse".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con le fusioni dei quattro Comuni pisani e degli altri dodici che hanno maturato la stessa scelta, ovvero Fabbriche di Vallico e Vergemoli a Lucca, Figline Valdarno e Incisa a Firenze, Castelfranco di Sopra e Piano di Scò, Castel San Niccolò e Montemignaio e poi ancora Pratovecchio e Stia ad Arezzo e San Piero a Sieve e Scarperia nel Mugello fiorentino, si ridisegna la geografia toscana, che dal 2014 non conta più 287 comuni ma 279.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 28 anni in un incidente in moto in autostrada

  • Colta alle spalle e rapinata di notte in via Notari: due arresti, si cerca il terzo

  • Incidente stradale lungo l'Aurelia: un morto e tre feriti

  • Ragazza investita a Marina di Pisa: arrestato il pirata della strada

  • In arrivo piogge e temporali in Toscana: emessa allerta meteo

  • Elezioni Regionali: Matteo Salvini al Bagno Mary a Tirrenia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento