Politica Pontedera

Bufera nell'Idv: l'assessore Cecchi querela la consigliera regionale

Proseguono i contrasti all'interno del partito di Di Pietro dopo l'espulsione dei due consiglieri provinciali Curci e Landucci e dell'assessore al personale del comune di Pisa Cassone

L'assessore Marco Cecchi

Finisce in tribunale la bufera che ha travolto l'Idv pisano nelle ultime settimane. L'assessore alla trasparenza del comune di Pontedera, Marco Cecchi, che è anche primo dei non eletti a Pisa, ha querelato per diffamazione la consigliera regionale e comunale del comune di Pisa Maria Luisa Chincarini, che aveva definito "un Cuffaro" il compagno di partito che le chiedeva di non mantenere il doppio incarico.  "Non lascio il posto se dietro di me c'e un Cuffaro" disse infatti Chincarini. "Per mesi ho atteso un chiarimento politico che non c'é stato - spiega Cecchi, motivando la scelta di querelare la collega - e allora ho deciso di tutelare la mia onorabilità in tribunale. Anche perché nelle ultime settimane i vertici provinciali e regionali dell'Idv hanno avviato un'autentica epurazione dei dissidenti interni, governando il partito in modo reazionario e antidemocratico".

Sono stati espulsi infatti i due consiglieri provinciali Michele Curci e Lucia Landucci e l'assessore al personale del comune di Pisa Antonio Cassone, che potrebbe essere rimosso dal sindaco Marco Filippeschi già nei prossimi giorni. Al suo posto è già pronta, Silvia Marroni, coordinatrice cittadina del partito dipietrista.
La motivazione ufficiale alla base dell'espulsione è il mancato versamento delle quote, ma i diretti interessati hanno affermato che le cose non stanno esattamente così e che alla base ci sarebbe la precisa volontà di colpire il dissenso e la libertà d'espressione. "La guerra purtroppo - ha sottolineato la vicepresidente della Provincia di Pisa, Alessandra Petreri, esponente dell'Idv - ha solo scopi personali e nulla di politico e se i vertici provinciali e regionali non intervengono per invertire la rotta, auspico che sia Di Pietro a venire a Pisa per mettere fine a questi comportamenti oscurantisti". In alternativa, e in vista del voto amministrativo pisano del 2013, potrebbero esserci anche riflessi sulle istituzioni, anche perché già ora i due consiglieri provinciali eletti nell'Idv, ma espulsi dal partito, da giorni parlano a titolo personale: "Questo - taglia corto Petreri - non è il partito per il quale ci siamo impegnati per anni, quindi qualcosa faremo. Ma voglio anche sottolineare che la nostra è una battaglia di civiltà anche a nome di tanti iscritti che finora non si sono esposti direttamente". (fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bufera nell'Idv: l'assessore Cecchi querela la consigliera regionale

PisaToday è in caricamento