rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Calcio

Pordenone-Pisa: le probabili formazioni | D'Angelo: "Serenità e lucidità per centrare un'altra vittoria"

Sabato 5 marzo i nerazzurri cercheranno in casa del Pordenone il secondo successo consecutivo: soltanto lo squalificato Hermannsson non sarà della gara

Soltanto un elemento fuori causa per squalifica, l'entusiasmo derivante dalla vittoria casalinga ritrovata dopo tre mesi di digiuno, la carica di circa 250 supporters sistemati nel settore ospiti e una classifica che legittima a coltivare sogni di gloria. Il Pisa si presenta così all'appuntamento in casa del Pordenone, sabato 5 marzo (ore 14) per il ventottesimo turno del campionato di Serie B.

Caracciolo in dubbio

Tutti a disposizione tranne Hjortur Hermannsson, appiedato per un turno dal giudice sportivo dopo la quinta ammonizione stagionale ricevuto nel corso della sfida con il Crotone di mercoledì scorso. Però, a ben vedere, mister Luca D'Angelo dovrà fare i conti con alcuni acciacchi che richiedono cautela e attenzione. Uno di questi riguarda la coscia di Antonio Caracciolo: il difensore centrale mercoledì scorso ha disputato soltanto la prima frazione prima di accomodarsi in panchina per non peggiorare la sua condizione. "Domani mattina valuteremo le sue condizioni e prenderemo una decisione definitiva " spiega il tecnico nerazzurro. "Nel caso in cui non ci desse le dovute garanzie, il suo posto accanto a Leverbe sarà preso da De Vitis".

Visto che, dopo la sfida in casa del fanalino di coda della B, ci sarà il big match casalingo contro la Cremonese (domenica 13 marzo), è molto probabile che il numero 30 ritrovi il campo dal primo minuto dopo molte settimane trascorse in panchina. Oltre a Caracciolo ci sono altri due elementi che arrivano da dei guai muscolari che ne hanno limitato l'impiego nelle ultime giornate: Beppe Sibilli e Davide Di Quinzio. Entrambi sono stati convocati ma partiranno dalla panchina per evitare brutte sorprese. "Abbiamo giocato ogni tre giorni nell'ultimo mese - continua D'Angelo - perciò è normale che alcuni giocatori siano più stanchi di altri. Nella composizione della formazione titolare che affronterà il Pordenone, quindi, la condizione fisica avrà un peso molto importante. Partirà dal 1' chi ha dato le migliori risposte".

Anche in attacco, rispetto al match con il Crotone, si potrebbero vedere delle novità. "Sicuramente Benali, Torregrossa e Puscas rappresentano un tris di giocatori fuori categoria per esperienza, spirito agonistico, presenza fisica e qualità tecnica individuale" ammette D'Angelo. "Ma anche loro rientrano nell'ottica della gestione delle energie fisiche. Sicuramente sono tre ragazzi che aiutano parecchio i compagni sul piano mentale quando dobbiamo vivere momenti di difficoltà all'interno della partita. Inoltre sono abituati a giocare a certi livelli: saranno di grande aiuto anche nella gestione della pressione del rush finale". Di fronte ai nerazzurri ci sarà un avversario disperato, ormai all'ultimissima spiaggia: senza un risultato importante, il Pordenone potrà dire addio quasi definitivamente alle speranze di rimontare sulla zona playout.

"Solitamente applicano un 4-3-1-2 molto aggressivo e fisico - spiega Luca D'Angelo - dispongono di giocatori dalla buona tecnica e in casa sono stati capaci, fino a oggi, di mettere in difficoltà praticamente tutti. Comprese le nostre rivali per la vittoria del campionato. Servirà un Pisa sereno e determinato nell'approccio: sappiamo di dover dare continuità alla vittoria di mercoledì".

L'arbitro e le curiosità della partita

Dirige Matteo Marcenaro di Genova. Il fischietto ligure ha debuttato in cadetteria nell'ultima giornata dello scorso campionato, proprio all'Arena Garibaldi: la sfida dei nerazzurri contro la Virtus Entella terminò con la vittoria per 3-2. In questa stagione ha diretto il Pisa nel match casalingo con l'Ascoli: 1-1 il punteggio finale.

Il Pisa nell'ultima trasferta ha perso di misura in casa della Reggina. Complessivamente però il rendimento dei nerazzurri lontano da casa è molto positivo: 6 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte. Il Pordenone invece vanta il peggior score casalingo di tutte e venti le squadre cadette: sono soltanto 7 i punti conquistati al Teghil nelle 13 gare fin qui disputate. I Ramarri vantano anche il peggior bilancio fra reti segnate e subite nelle partite casalinghe: appena 11 i gol siglati a fronte di 24 concessi agli avversari.

Il Pisa affronta il Pordenone in Friuli per la quinta volta nella sua storia. Fino a oggi i nerazzurri non sono mai riusciti a fare bottino pieno: il bilancio segnala 3 pareggi e una sconfitta.

Le probabili formazioni

Pordenone (4-3-1-2): Perisan; El Kaouakibi, Bassoli, Barison, Andreoni; Cambiaghi, Pasa, Zammarini; Deli; Butic, Candellone. All. Tedino

Pisa (4-3-1-2): Nicolas; Berra, De Vitis, Leverbe, Beruatto; Tourè, Nagy, Marin; Benali; Lucca, Torregrossa. All. D'Angelo

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pordenone-Pisa: le probabili formazioni | D'Angelo: "Serenità e lucidità per centrare un'altra vittoria"

PisaToday è in caricamento